Green lifestyle Pianeta Risparmio

6 luoghi in cui fuggire per un lungo week end

Ecco i borghi ecocentrici da visitare per un fine settimana alla scoperta dei gioielli della nostra penisola

Tessa_gelisio_borghi_Italia

Da Nord a Sud, il nostro paese è ricco di paesaggi e borghi caratteristici, ancora quasi sconosciuti, piccoli tesori nascosti. Abbandonare l’auto, fare escursioni nei parchi naturali, visitare ecomusei alla scoperta dei mestieri più antichi, gustare le prelibatezze locali: nei borghi le vacanze sono eco e molto ‘slow’.

Ve ne ho selezionati 6 a cui sono molto affezionata!

Nord Italia

800px-Usseaux_da_vallone_albergian

 

(Foto: commons.wikimedia.org)

Usseaux, in provincia di Torino, è un piccolo centro dell’Alta Val Chisone di soli 191 abitanti, circondato dalle Alpi Cozie e da ben tre parchi naturali; il suo nome significa “alto”, ed infatti si trova a 1.400 metri sul livello del mare. Si divide in cinque frazioni, cinque villaggi alpini in cui il tempo sembra essersi fermato: mi hanno colpito le architetture tipiche delle case in legno, le meridiane dipinte sulle pareti come murales, i lavatoi, i forni per il pane, i vecchi mulini; qui le tradizioni contadine resistono ancora oggi, nelle abitudini e nella lingua parlata. Il vicino Pian dell’Alpe offre diverse possibilità di escursioni agli appassionati di alpinismo, mentre chi preferisce la mountain bike può scegliere uno degli itinerari sulla strada dell’Assietta. Usseaux inoltre fa parte dei “Borghi Sostenibili del Piemonte”, grazie alle buone pratiche di turismo sostenibile, alle strutture in bioedilizia e ai progetti di riqualificazione ambientale.

Se non amate l’alta montagna vi consiglio un luogo come Canale di Tenno, un antico borgo medievale che sorge sulle colline e domina dall’alto il lago di Garda: il luogo si è conservato quasi intatto, mantenendo i caratteristici vicoli, sottopassi e archi in pietra che collegano le case. È uno dei quattro borghi che costituiscono Ville del Monte, frazione del comune di Tenno, famoso a sua volta per il castello merlato costruito sulla sommità di una rupe. A Canale, invece, sono assolutamente da vedere la Casa degli Artisti, museo e centro culturale, e l’omonimo lago di Tenno, a cui Legambiente ha assegnato la Bandiera Blu, che attesta l’attenzione e la cura al paesaggio e ai servizi turistici sostenibili per l’ambiente. Se non riuscite a vedere Tenno in questo periodo, provateci tra qualche settimana, quando verranno allestiti i mercatini di Natale: le bancarelle di artigianato locale, i canti natalizi, il profumo di cannella nell’aria… qui si vive davvero lo spirito del Natale!

Centro Italia

20090414-Cività-di-Bagnoregio

 

(Foto: en.wikipedia.org)

Un luogo che bisogna affrettarsi a visitare è Civita di Bagnoregio (VT), detta anche ‘la città che muore’: questo splendido borgo sorge su un colle in pietra di tufo, la cui base, sottoposta ad erosione, si sta lentamente sgretolando ed è purtroppo destinato a franare. La zona che circonda il borgo, tra il lago di Bolsena e il Parco Fluviale del Tevere, è chiamata Valle dei Calanchi per queste spaccature che si intravedono nelle colline, un paesaggio unico. Dopo averlo desiderato per molto tempo, ho avuto finalmente l’occasione di vederlo con i miei occhi: al centro di Civita si accede attraverso la bellissima Porta Albana; il cuore del paese è raggiungibile solo a piedi, attraverso un ponte. Ormai solo una decina di persone sono rimaste a vivere qui, perciò la quiete e il silenzio regnano  sovrani; non preoccupatevi, troverete bar, ristoranti e B&B, e comunque l’atmosfera che si respira è  suggestiva.

Quando arrivi in Umbria capisci immediatamente perché è chiamata il cuore verde d’Italia: il borgo di Pietralunga, in particolare, è in una posizione davvero invidiabile con colline che salgono fino all’Appennino Umbro-Marchigiano e regalano un paesaggio dai mille colori, soprattutto in questa stagione, che potete ammirare con una passeggiata nelle vicine aree protette. Il centro umbro, dalle origini addirittura preistoriche, è la meta perfetta anche per gli amanti dell’arte e della storia, grazie ai numerosi monumenti, palazzi, il castello, le chiese come la Pieve di Santa Maria e i resti delle antiche mura. In queste zone vengono spesso organizzate fiere e sagre gastronomiche: non perdetevi una degustazione del tipico tartufo bianco!

Sud Italia

Panorama_of_Locorotondo

 

(Foto: it.wikipedia.org)

Spostiamoci a sud e arriviamo fino alla Valle d’Itria, in provincia di Bari: a due passi dal mare, fra masserie e trulli immersi negli uliveti, troviamo Locorotondo, che deve il suo nome alla particolare forma ad anello del centro antico. Quando sono arrivata qui per la prima volta sono rimasta abbagliata dal bianco della calce che ricopre ogni cosa, dagli edifici dall’architettura barocca alle tipiche case con il tetto spiovente; non meno incantevoli sono i numerosi scorci di panorama che offre, che gli sono valsi il soprannome di ‘balcone della Murgia dei trulli’. Da queste parti passa anche la strada del vino: qui infatti viene prodotto il Bianco Locorotondo Doc. Le possibilità di escursioni in questa zona sono infinite, ma io vorrei consigliarvi una passeggiata nella natura organizzata dall’Ecomuseo di Valle d’Itria, un’associazione che comprende i comuni limitrofi e realizza progetti di educazione ambientale per tutelare e valorizzare la cultura, le tradizioni e il paesaggio di quest’area.

Arriviamo infine all’estremo sud, nella magnifica Sicilia e più precisamente a Castelmola (ME), il paese dei panorami: il borgo e il castello che gli dà il nome si ergono su una rocca, da cui si può ammirare un paesaggio da mozzare il fiato, che abbraccia l’Etna, Taormina, il golfo di Giardini Naxos, lo stretto di Messina e le coste calabre. Tra mare e montagna, circondati da piante di fico d’India e mandorli, una strada di tornanti porta al centro del borgo, che si trova all’interno delle mura del castello ed è caratterizzato da viuzze, chiese antiche e case in pietra e ferro battuto; non perdetevi la piazza principale, realizzata in pietra lavica, poi sedetevi allo storico Caffè S. Giorgio che vi si affaccia e ordinate il famoso vino alla mandorla, originario proprio di Castelmola e realizzato con mandorle ed essenza di arance.

Questi sono i borghi che ho scelto per voi, ci sono però tantissimi altri luoghi splendidi che potete cercare grazie a uno di questi portali:

 

 

Buon viaggio!

Nessun commento

Scrivi un commento

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi