A tavola

A tavola contro i mali di stagione

Con l’arrivo dell’inverno e dei mali di stagione ecco qualche consiglio dietologico per prevenirli magiando gli alimenti giusti

Tessa_Gelisio_dieta_difese

Stiamo andando incontro all’inverno e può essere utile sapere quali alimenti assumere, per le loro proprietà benefiche sul nostro organismo, in un periodo dell’anno che ci vede più suscettibili a malattie da raffreddamento. Ecco cosa mi dice l’esperta, la Dott.ssa Adina Ruth Lowen, Medico chirurgo, Specialista in Idrologia Medica e Nutrizionista.

La regina delle molecole “antigelo” è la vitamina C, un vero toccasana per le difese immunitarie. E dove trovarla?

AGRUMI

Lemon

Be’, prima di tutto negli agrumi: spremute di arance, pompelmi e mandarini e i limoni da preferire come condimento all’aceto. Facciamoli diventare nostri amici di tutti i giorni dalla colazione alla cena.

MELAGRANA

Pomegranate

Foto: wikipedia

Ma non ci sono solo loro tra gli alleati nella lotta ai malanni da freddo. Che della melagrana? E’ ricchissima di vitamina C. Ha solo una controindicazione: se soffrite di stitichezza ricordatevi che la melagrana ha forte potere astringente. Ha anche altri effetti collaterali molto graditi: le sue proprietà toniche e antispasmodiche sono una vera manna per chi soffre di mal di stomaco e le coliche intestinali.

Ha tanti semi e chi soffre di diverticolosi dovrebbe ricordarsene.

KIWI

Sono ricchi di vitamina C e ferro e, considerando che l’assorbimento della vitamina C migliora in presenza di ferro… Non c’è che dire: i kiwi sono nati per farci bene. Favoriscono anche il transito intestinale. Attenzione, anche in questo caso, ai semini che possono creare fastidi a chi soffre di diverticolosi.

CAVOLI & C.

Tra le verdure molto importante assumere cavolfiori e broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolo verza, cavolo cappuccio per la ricca concentrazione di vitamina C.

Senza contare che le vitamine contenute (soprattuto la A oltre alla C) sono potenti antiossidanti che lottano tenacemente contro i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare e cancerogeni. Non cuoceteli troppo per non perdere il loro carico benefico di molecole salutari e conditele con un filo di olio e succo di limone. Unica nota: per coloro che soffrono di colite, dal momento che possono causare meteorismo intestinale, consiglio di  assumerle dopo averle centrifugate.

PEPERONCINO

Large_Cayenne

Foto: wikipedia

Un pochino di peperoncino per insaporire alcune pietanze può essere un’arma in più da aggiungere al nostro arsenale difensivo. Il peperoncino contiene una buona quantità di vitamina A e C e alla presenza della capsaicina (la molecola responsabile della piccantezza) ha anche un’azione antisettica.

L’unica attenzione da avere nell’uso del peperoncino è ricordare  che favorisce la secrezione acida dello stomaco ed è quindi meglio non assumerlo in caso di gastrite.

ERBE AROMATICHE

E che dire delle erbe aromatiche? Utilizzare nelle pietanze, basilico, erba cipollina, prezzemolo, rucola non dà solo un tocco di sapore. Il prezzemolo è ricco di vitamine C, A ed E. Il rosmarino è ricco di molecole antiossidanti e ha anche un’azione antimicrobica così come la salvia che ha spiccate proprietà antisettiche (oltre che antiossidanti). La rucola è un’ottima fonte di vitamine C.

ZUCCA E CAROTE

In questa stagione tra gli ortaggi la zucca la fa da padrone per l’elevato contenuto di betacarotene, la molecola precursore della vitamina A, utile a pelle e occhi, importante la sua azione antitumorale. Essendo, la zucca, ricca di acqua e fibre aiuta l’intestino pigro. Come mangiarla? I modi sono mille. I miei preferiti? Vellutate di zucca, tortelli alla zucca o semplicemente cucinata al forno. Anche le carote sono ovviamente ricche di betacarotene e sono meglio se assunte crude.

LEGUMI

Proteine vegetali come piselli, lenticchie, fagioli, ceci saranno di valido aiuto. Bene assumere i piatti completi dal punto di vista nutrizionale come pasta e fagioli, riso e piselli, polenta e lenticchie.

In generale, per contrastare gli agenti inquinanti che possono compromettere le nostre difese immunitarie e esporci al rischio di malattie è importante preferire verdure come quelle che ho prima menzionato, scegliendole preferibilmente fresche, a chilometro zero e biologiche (leggi qui). Ricordiamoci sempre che per favorire il buon assorbimento della vitamina C, è importante  assumere ferro: ferro presente nella carne oppure ferro “non Eme”, presente nei legumi.

 

 

 

 

 

1 Commento

  • Commenta
    Oscar
    1 dicembre 2015 at 13:14

    <<Dovvresti Amare,e anche Voi Tutte/tutti,se no,chi vi ama!?Se Vuoi esserne Amata da Tutte/tutti,allora é come Ti Predico.<>

  • Scrivi un commento

    Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Maggiori info

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi