A tavola

Alla Pinolata non toglierei niente… se non lo zucchero!

Oggi vi invito a togliere lo zucchero da uno dei più famosi dolci tradizionali toscani senza perdere dolcezza grazie all’estratto di stevia.

IMG_6496

Chi mi conosce sa che sono fieramente toscana e quando un dolce della mia regione passa per il blog di Ecocentrica, scusate, ma non posso fare a meno di esaltarlo!

Mai assaggiata una pinolata ben fatta? No? Dalle parti di Siena o del Chianti, a fine pasto, una fetta di pinolata è un must. La pinolata è una torta morbida, un classico reinterpretato in tanti modi a seconda della fantasia dei singoli o delle usanze di questo o quel comune. Di base, però, si tratta di un dolce senza fronzoli né ripieni sul quale vengono fatte piovere manciate di pinoli.

Sapete una cosa? Visto che ogni toscano ha la propria versione di pinolata voglio “ri-cucinarla” anche io. Non aggiungerò creme o uvetta, non cambierò la sua magnifica soffice consistenza e tantomeno cambierò la quantità dei pinoli. Nulla di tutto ciò. A Ecocentrica l’unica modifica che ci permettiamo nei dolci è… eliminare lo zucchero semolato! Escano 100 g di zucchero semolato ed entrino 20 g di estratto di stevia! 400 kcal se ne vanno e zero (0) ne arrivano. E’ il bello della stevia, no? Ecco come cucinare una perfetta pinolata speciale senza nulla togliere o aggiungere al suo sapore.

 

Gli ingredienti

1

100g di pinoli

240g di farina 00

20g di Dietor Estratto Cuor di Stevia

150g di burro

100ml di latte

8g di lievito istantaneo per dolci

la scorza grattugiata di 1 limone

4 uova (separate e conservate tuorli e albumi)

 

 

Imburrate  e infarinate uno stampo a cerniera di 26cm di diametro. Ammorbidite il burro  lasciandolo a temperatura ambiente per qualche minuto.

 

Setacciate quindi la farina con il lievito.

 

In una ampia ciotola amalgamate il burro ammorbidito.

2

Aggiungete l’estratto di stevia e lavorate l’impasto con un cucchiaio  di legno  fino a ottenere un composto omogeneo.

 

Aggiungete la scorza di limone e i quattro tuorli senza smettere di lavorare con il cucchiaio.

 

Unite il mix farina e lievito lentamente, sempre continuando ad amalgamare per evitare grumi.

 

Ammorbidite con il latte e adesso via di braccio mescolando energicamente!

3

Infine incorporate delicatamente gli albumi montati e, quando il composto è ben omogeneo, aggiungete metà dei pinoli.

4

Versate il composto nella tortiera creando uno strato di 2 -3 cm di altezza

 

Infornate in forno preriscaldato a 180° per 30/40 min.

5

Et voilà, dopo aver cotto non vi resta che mangiare! Niente zucchero ma tutta la pinolata possibile: la dolcezza può avere tanti padroni, l’estratto di stevia è uno di questi con il vantaggio rispetto a tutti gli altri di essere assolutamente naturale e assolutamente a zero calorie. Certo, non che una fetta di pinolata sia a zero calorie anche senza zucchero (il burro conta e i pinoli sono piuttosto calorici come le uova d’altronde) ma è stata sicuramente alleggerita di un bel fardello: la vostra glicemia ringrazia!

Nessun commento

Scrivi un commento

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi