Green lifestyle

I 10 più comuni errori della raccolta differenziata

Avevo avuto dubbi sul tè. Adesso ce li ho sugli scontrini… Scegliere il contenitore giusto è fondamentale per salvaguardare il nostro pianeta, permettere il riciclo delle materie prime, ridurre l’inquinamento e i costi di smaltimento. Ormai siamo abituati a differenziare carta, plastica o umido. Ma ci sono oggetti e rifiuti ancora un po’ misteriosi. Vogliamo vedere insieme come si fa a non sbagliare?

FOTO 1

1) Quasi tutti abbiamo l’abitudine di buttare gli scontrini insieme alla carta: gli scontrini, però, sono realizzati con un tipo di carta, chiamata termica, che non può essere riciclata. Sperando che presto producano scontrini con carta riciclata e riciclabile, per il momento dobbiamo metterli insieme agli altri rifiuti indifferenziati.

FOTO 22) Discorso simile per la carta sporca di sostanze chimiche, come vernici e solventi: dal momento che i veleni contaminerebbero gli altri materiali, non va buttata nella raccolta per la carta, ma nel secco indifferenziato.

FOTO 3

3) Spesso buttiamo nel bidone della carta o in quello della plastica il sacchetto vuoto dei biscotti; è sempre meglio controllare prima i simboli sulla confezione: se è presente un triangolo con simbolo 07, significa che il sacchetto è composto da materiali misti, quindi non riciclabile.

FOTO 44) Un altro errore diffuso è buttare i cartoni della pizza nel contenitore per la carta: carta e cartone possono essere riciclati solo se perfettamente puliti. È possibile recuperare il coperchio, ma il resto del cartone è spesso unto e questo basterebbe a compromettere la qualità della carta raccolta. Va perciò insieme ai rifiuti indifferenziati.

FOTO 55) La campana per la raccolta del vetro si può utilizzare solo per bottiglie, vasi, bicchieri di vetro ed altri imballaggi; mai gettare bicchieri di cristallo, tazze di ceramica, lampadine, specchi rotti: sono materiali non riciclabili e vanno quindi nel secco indifferenziato.

6) Tra i materiali che, al contrario, pensiamo non possano essere recuperati, c’è il tetrapak: gettato spesso nel bidone della raccolta indifferenziata, può invece essere riciclato se raccolto insieme alla carta o alla plastica; verificate le norme del vostro Comune.

7) Nell’indifferenziata, poi, molti di noi buttano i contenitori di polistirolo: vaschette e vassoi vanno invece nel bidone per la plastica.

FOTO 68) Anche la carta d’alluminio finisce spesso tra i rifiuti indifferenziati: erroneamente, perché l’alluminio è riciclabile. Va raccolto, a seconda dei Comuni, insieme alla plastica, al vetro o in un contenitore apposito.

9) Molti dubbi nel caso delle lattine: indifferenziata, plastica o vetro? Anche in questo è meglio controllare le disposizioni del Comune, ma solitamente lattine e altri barattoli vanno raccolti insieme al vetro.

10) Non tutti sanno che piatti e bicchieri di plastica sono riciclabili dal 1° maggio 2012 e devono essere buttati nella raccolta per la plastica. Vanno nell’indifferenziato invece le posate e i bastoncini per mescolare il caffè, perché non possono essere considerati imballaggi.

FOTO 7

Insomma: non riposiamo sugli allori  di plastica, vetro e indifferenziato. Valgono inoltre come regole generali quelle di leggere sempre le etichette dei prodotti, che solitamente forniscono indicazioni per il riciclo, e informarsi sui regolamenti del proprio Comune. (Grazie alla collaborazione di Ilaria Palmeggiani)

5 Commenti

  • Commenta
    Ilaria
    9 ottobre 2014 at 12:26

    Prego è stato un piacere!! 🙂

  • Commenta
    rosi
    1 maggio 2016 at 13:38

    perchè non c’è modo di raccogliere l’olio delle fritture domestiche?

    • Commenta
      Tessa Gelisio
      1 maggio 2016 at 20:25

      si, bisogna portarlo nelle isole ecologiche dei comuni. ci sono anche dei supermercati virtuosi che lo raccolgono nei propri punti.

  • Commenta
    Maria rosa
    9 dicembre 2016 at 10:20

    Discorso simile per la carta sporca di sostanze chimiche, come vernici e solventi: dal momento che i veleni contaminerebbero gli altri materiali, non va buttata nella raccolta per la carta, ma nel secco indifferenziato.Se invece dovesse capitare di smaltire nella plastica bottiglie di plastica in cui si è diluito un concime o un prodotto chimico che succede ? le bottiglie in cui beviamo ( o altri prodotti) che poi verranno dal riciclo saranno tossiche?o comunque esiste una fase di decontaminazione?

    • Commenta
      Jolyn
      20 gennaio 2017 at 10:15

      Ppl like you get all the brisan. I just get to say thanks for he answer.

    Scrivi un commento

    Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Maggiori info

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi