A tavola

Il mistero della bustina del tè…

Oggi ho bisogno io del vostro aiuto! Ho preso un bel tè con le amiche, e adesso non so dove buttare le bustine usate! Cercasi soluzioni disperatamente. Meglio ancora da qualche Eco-British…

1Ho appena salutato Elisa , Maria, Elisabetta e Valeria. Abbiamo fatto una riunione di redazione della mia rivista Dimensione Benessere di settembre che uscirà fra qualche giorno. Abbiamo preso un bel tè, ho lavato le tazze e mi sono bloccata. Dove butto le bustine usate per l’infusione? Non rispondetemi “nella spazzatura”, sennò che Ecocentriche siete! Io voglio attenermi a un rigoroso smaltimento differenziato dei rifiuti , quindi devo pensarci. Mi date una mano?

2

Dunque, ecco le mie bustine.  Non mi va di buttarle genericamente nell’indifferenziato. Facessimo tutti così… Dividiamo le sue componenti….C’è l’etichetta di carta, c’è la bustina vera  e propria, c’è il filo e naturalmente la graffetta di metallo

4

Teoricamente il tè contenuto e la sua bustina sono biodegradabili e quindi andrebbero eliminate nell’umido. Giusto?

5Mentre l’etichetta va nella carta e la graffetta nel metallo… giusto?

6Poi però ci sono i fili di cotone. Anche quelli nell’umido? Mah! Il mistero s’infittisce…

Mi state dando dell’eco-integralista? Io allora vi cito una bella frase di uno scrittore francese del ‘700 Nicolas de Chamfort  che voglio mettere anche su Facebook: “Nelle grandi cose, gli uomini si mostrano come conviene loro mostrarsi; nelle piccole, come sono “. Capito perché anche una bustina da tè è importante? Attendo soluzioni disperatamente, magari da qualche Ecocentrica inglese che di tè se ne intende..

21 Commenti

  • Commenta
    Chiara
    5 settembre 2014 at 9:42

    Sto preparando la mia tesi specialistica in economia dell’ambiente e ho deciso di concedermi una piccola pausa leggendo questo Blog. In effetti qualche dubbio sul corretto smaltimento delle bustine di tè ed infusi viene anche a me. Dipende però dal tipo di tè che si utilizza. La cosìddetta bustina salvaroma che protegge il filtro, se plastificata, va gettata nell’indifferenziata, così come il talloncino sul filo di cotone. Se invece si è sicuri sia di carta può finire nel contenitore differenziato. Filtro e filo di cotone andrebbero gettati nell’umido. Per quanto riguarda la graffetta, a me piacciono le bustine senza, dove il filo è direttamente cucito e così riesco anche ad ovviare al dilemma 😉

    Buona giornata!

    Chiara

    • Commenta
      Tessa Gelisio
      7 settembre 2014 at 16:36

      filo nell’umido? sicura?

      • Commenta
        Chiara
        8 settembre 2014 at 18:24

        sicura, se di cotone va nell’umido 🙂

    • Commenta
      Simone Perriello
      22 aprile 2016 at 7:48

      Una domanda a cui invece non sono ancora riuscito a trovar risposta è invece: dove va l’involucro esterno che contiene la bustina del te? Quasi sempre, infatti, i filtri sono richiusi in piccole bustine a cofanetto, a metà tra carta e plastica, che molto spesso hanno il logo della casa produttrice. Non sono mai riuscito a capire se andassero nella carta, nella plastica o nell’indifferenziato.

      • Commenta
        Tessa Gelisio
        26 aprile 2016 at 12:34

        io compro quelli che hanno busta di carta, quindi…

      • Commenta
        Lois
        20 gennaio 2017 at 4:48

        What a pleasure to find someone who ideneifits the issues so clearly

  • Commenta
    Stefano
    5 settembre 2014 at 12:02

    Quando sono stato in Inghilterra la cara “nonnina” inglese che ho conosciuto metteva le bustine da te usate nei ripiani del frigo: diceva che eliminano i cattivi odori!
    Per il discorso di dove buttarle ci pensiamo un’altra volta eheh.
    Ciaociao 😉

    • Commenta
      Tessa Gelisio
      7 settembre 2014 at 16:37

      così non vale….

    • Commenta
      Mira
      19 gennaio 2017 at 22:28

      That’s a cunning answer to a chienllgang question

    • Commenta
      internet kreditkarte prepaid
      7 febbraio 2017 at 17:13

      Info yang menarik mas . Bagi seorang yang memiliki hobby modding/suka ngoprek, semua faktor tadi perlu dan sangat disarankan untuk dipertimbangkan supaya hobby nya tadi tidak terhalang oleh specs .Memang kamera android tidak boleh dianggap remeh ditambah lagi aplikasi-aplikasi kameranya . #menakjubkan[]dafhy Reply:August 12th, 2012 at 8:55 pm, pastinya mas. pengen ngoprek tapi spec tidak mendukung ya akan nanggung []Twitter: Reply:August 14th, 2012 at 11:31 pm, iya pasti :p mas dafh pakek apa sekarang ?[]

  • Commenta
    Ilaria
    6 settembre 2014 at 15:25

    Ma soprattutto, prima di buttarla, usate la bustina del the per pulire vetri e mobili di legno come fa mia mamma 😉

    • Commenta
      Tessa Gelisio
      7 settembre 2014 at 16:37

      non ho ancora provato… poi ti dico!

      • Commenta
        Flora
        19 gennaio 2017 at 22:33

        Phmeeonnal breakdown of the topic, you should write for me too!

    • Commenta
      Bunny
      19 gennaio 2017 at 22:49

      Thanks for inurndtciog a little rationality into this debate.

  • Commenta
    Gian Maria
    6 settembre 2014 at 16:44

    Due amici. Il primo ordina un tè. Il secondo: “Prendo anch’io un tè, ma mi raccomando, che la tazza sia pulita”. Passa qualche istante e il cameriere torna con l’ordinazione. “Ecco i tè. Chi dei due ha chiesto la tazza pulita?”.

  • Commenta
    Gloria
    29 settembre 2014 at 16:33

    Sarò esagerata?
    io i fili li tengo, li riutilizzo, li uso per esempio per legare i sacchetti di petali che mi faccio per la macchina e che appendo ad ogni cosa in casa 😀
    li tengo in una scatoletta di carta e li prendo all’occorrenza …
    durano una vita e non hanno mai più fine.
    Certo prendessi 10 tazze di tè al giorno forse mi sarei già fatta una maglia ^.^

  • Commenta
    Paolo
    18 gennaio 2016 at 19:21

    Semplice, non usare assolutamente le bustine!

  • Commenta
    Marina
    24 ottobre 2016 at 2:18

    Bravo Paolo!
    Purtroppo la verità è infatti che la maggior part di bustine di tè, anche di produzione biologica, contengono oltre alla canapa anche materiali termoplastici che non sono assolutamente biodegradabili.
    le bustine sono comodissime, ma io cerco di limitarne l’utilizzo il più possibile. alla fine è solo una questione di abitudine come in tante altre cose.

    • Commenta
      Tessa Gelisio
      20 novembre 2016 at 17:33

      esatto

    Scrivi un commento

    Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Maggiori info

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi