News

Non solo Venezia… Il pianeta è a rischio inondazione.

Dell’innalzamento dei mari si sente spesso parlare come di qualcosa lontano nel tempo. Ma al 2050 mancano solo 35 anni.

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

New York, una delle città preferite dai film catastrofici. La Grande Mela è stata sommersa da immani tsunami, congelata da tempeste glaciali, investita dai meteoriti… Tralasciando Godzilla e King Kong, sembra proprio che il simbolo della costa est americana, con la famosa skyline disegnata dai grattacieli di Manhattan, sia destinato a scomparire dalle mappe.

NY

Nell’immaginario hollywoodiano… Ma anche in quello di alcuni politici e climatologi che hanno preso molto sul serio i miliardi di danni e le vite perse a causa dell’uragano Sandy, che un anno faha spinto le onde ben oltre le protezioni antimareggiata del NY Harbor inondando il perimetro della città, con metro allagate, tunnel e aeroporti allagati:.

Quando il sindaco d’allora, Michael Bloomberg, ha iniziato imponenti opere di “fortificazione” della linea costiera di NY si è pensato a una reazione esagerata mossa soprattutto dallo shock. Invece, a dire, il vero, Bloomberg sarà stato anche traumatizzato, come i suoi elettori, ma forse sapeva anche leggere i dati: le mareggiate nella baia dell’Hudson sono aumentate nel corso dell’ultimo secolo, per frequenza e intensità e il livello medio della baia di New York si è alzato sensibilmente. Semplicemente si è resi conto che era ora di correre ai ripari per reagireal mondo che cambia.

Già, perché le previsioni dell’IPCC (lnternational Panel on Climate Changes, l’organo ONU che si occupa di monitorare il clima) parlano di mari e oceani che si alzano e non di poco: entro il 2100 se il trend si manterrà costante, l’acqua lungo le coste del pianeta salirà tra i 60 cm e 1 m. Ora, 60 cm non vi sembreranno un’enormità ma sarebbero più che sufficienti a sommergere città costiere e atolli del Pacifico: famoso il caso di Tuvalu, un piccolo arcipelago della Polinesia, la cui popolazione avrebbe già chiesto asilo all’Australia prevedendo di vedere scomparire la propria terra.

Ecco un piccolo elenco di grandi città del globo che entro il 2050 forse si troveranno in parte sommerse: Miami, New York e New Orleans; Canton e Zhanjing in Cina; Ho Chi Min city in Vietnam; ma anche Sapporo in Giappone e Santo Domingo nei Caraibi… E vi assicuro che sto riassumendo considerando soltanto le città più grandi che insieme contano un paio di centinaia di milioni di abitanti.

20140412_67212_mappa

E nel Mediterraneo? Pare che il livello del Mare Nostrum cresca di quasi 2 mm all’anno da un po’ ma sembra anche che il ritmo sia in crescendo con previsioni catastrofiche di 1 m entro il 2100. Dubito che assisterò in prima persona al cambiamento della cartina geografica ma se date un occhio a questa immagine vi farete un’idea di come lo Stivale non sarà più tale (la cartina è stata disegnata dallo slovacco J. Simmons ed è mio avviso un po’ esagerata ma rende l’idea delle aree a rischio) . Di certo, entro il 2050, gli abitanti di città come Venezia, Livorno, Genova e altre aree di Campania, Romagna, Marche, Calabria e Abruzzo potrebbero trovarsi con i piedi bagnati.

Che fare? Beh, il cambiamento climatico e lo scioglimento dei ghiacci artici non sono l’unico motivo dell’innalzamento. Almeno uno dei motivi è immediatamente sotto il nostro controllo: l’erosione delle coste dovuta all’urbanizzazione selvaggia degli anni Settanta e Ottanta. Come abbiamo fatto il danno possiamo cercare di porvi rimedio e non mancare di ricordare a chi ci amministra quello che ha fatto Bloomberg… New York non è lontana quanto sembra in un mondo così piccolo.

 

 

9 Commenti

  • Commenta
    top elliptical trainer of 2015
    23 maggio 2015 at 7:33

    It’s going to be end of mine day, however before end I am reading this enormous piece of writing to increase
    my knowledge.

  • Commenta
    soglasi
    25 maggio 2015 at 11:34

    Pretty! This was an incredibly wonderful post.
    Thank you for supplying this info.

  • Commenta
    cochecitos de bebe comparativa
    5 giugno 2015 at 7:43

    What’s up to every , as I am actually eager
    of reading this blog’s post to be updated daily. It includes nice
    data.

  • Commenta
    Filomena
    16 giugno 2015 at 0:50

    Because of this capability, this equipment is mainly used in drainage cleaning
    where solids have already mixed in with the fluids. Pipes and fittings are often made of the same base material such as copper, steel, polyvinyl chloride (PVC), and chlorinated polyvinyl chloride (CPVC).

    Today there are various insulation materials that are used directly over
    the exterior of the tire before the finish is applied.

  • Commenta
    Rickey
    18 giugno 2015 at 15:36

    The entire effect of these rugs to a room should be considered when purchasing one.
    There is considerable expense involved with installing a
    septic tank. In fact, there would be plenty of surplus water to irrigate the garden or sell to other consumers.

  • Commenta
    miglior tablet 10 pollici
    21 giugno 2015 at 7:59

    Hello Dear, are you really visiting this web site regularly, if so after
    that you will without doubt obtain good experience.

  • Scrivi un commento

    Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Maggiori info

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi