Punto di vista

Qual è l’animale che causa più morti?

La top 5 degli animali più letali per l’uomo

animali COP - www

Se vi chiedessi quale animale fa strage di uomini, chi vi verrebbe in mente? Probabilmente tigri, leoni e altri feroci felini, serpenti dal morso letale, alligatori dai denti affilati oppure squali dalle enormi fauci, capaci di inghiottire la preda in un sol boccone. Nonostante la famosa saga di Spielberg fosse piuttosto suggestiva, la verità è che gli attacchi dei “predatori del mare” nei confronti dell’uomo sono molto rari: gli squali sono dei dilettanti in confronto a tanti altri animali, sicuramente dall’aspetto meno minaccioso, ma molto più letali per l’uomo.

Curiosi di sapere quali sono le specie che causano più vittime di esseri umani? Ho preparato per voi la Top 5, in ordine crescente: il numero 1 è l’animale che dovremmo temere di più… state pronti a sorprendervi!

5) CANI

cani - corriere

Foto: www.corriere.it

Già, in fondo a questa Top 5 troviamo proprio lui, il migliore amico dell’uomo.
Secondo le statistiche USA, raccolte nel periodo tra il 2001 e il 2013, i cani hanno causato la morte di circa 35 persone l’anno, e parliamo solo di attacchi diretti. Anche Bill Gates ha pubblicato sul suo blog una stima degli animali più letali, e sul podio comparivano proprio i cani: provocherebbero circa 25.000 decessi all’anno in tutto il mondo, principalmente per la trasmissione della rabbia.

 

4) MUCCHE

mucche - oggiscienza.it

Foto: oggiscienza.it

Viene da ridere, ma è così: le mucche causano decine di vittime. Negli USA in un anno si parla di almeno 20 morti durante incidenti sul lavoro, ad esempio nelle fattorie, più altri 20 che ci lasciano le penne dopo un calcio ben assestato dell’animale. Più o meno altrettanti i decessi causati dai cavalli, per un totale di circa 60 vittime l’anno per animali da allevamento.

 

3) VESPE E CALABRONI

calabroni - www.diregiovani.it

Foto: www.diregiovani.it

Anche questo dato proviene dalle statistiche americane: le punture di api, vespe e calabroni uccidono mediamente 58 persone l’anno solo negli Stati Uniti, soprattutto per lo shock anafilattico causato dalla loro puntura.

 

2) CERVI

cervo - lifegate

Foto: www.lifegate.it

Ricordate i simpatici animali protagonisti del film Disney?
No, non sono una specie feroce, ma costituiscono comunque un pericolo: solo negli USA causano 130 morti l’anno, provocando incidenti stradali.

 

Ed eccoci arrivati al numero 1, l’animale più pericoloso al mondo

1) ZANZARE

zanzare - fondazione veronesi

Foto: www.fondazioneveronesi.it

Non si tratta di uno scherzo! Questi insetti sono dei veri killer di esseri umani, e il loro numero di vittime è inarrivabile per tutte le altre specie: provocano circa 725.000 morti ogni anno in tutto il mondo. Sono il veicolo di malattie come la febbre dengue, la febbre gialla e la malaria, che da sola causa la morte di 600.000 persone l’anno; le zanzare sono la specie più numerosa al mondo dopo le formiche, vivono quasi ovunque (fanno eccezione i poli) e costringono molte popolazioni dei Paesi tropicali a migrare in altre zone per sfuggire al rischio contagio. Eppure destano poche preoccupazioni…

 

Ecco qualche altro dato, giusto per avere un pizzico di prospettiva: se le zanzare provocano quasi un milione di vittime l’anno, un felino come il leone si ferma ad appena 100. Stesso numero per gli elefanti, mentre gli ippopotami arrivano a 500. Lupi, orsi, coccodrilli? Sì e no una decina di vittime ciascuno, come il famoso squalo.
Ve l’avevo detto che era un dilettante, no?

 

 

Foto copertina: www.rivistanatura.com

Nessun commento

Scrivi un commento

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi