Alimentazione e cibi per la prevenzione dei tumori | Ecocentrica
A tavola

La prevenzione del cancro comincia dalla tavola

Le abitudini corrette e i cibi che proteggono dalla malattia

Il 4 febbraio, questa domenica, è la Giornata mondiale contro il cancro: istituita dall’Uicc (Unione Internazionale contro il cancro), organizzazione che raggruppa le principali associazioni impegnate in questa battaglia, ha lo scopo di aumentare la consapevolezza su cosa si può fare contro il “big killer” dei nostri tempi.

In Italia, nel 2016 ci sono state 365.000 diagnosi di tumore: significa che ne vengono scoperti 1.000 casi al giorno (dati: Associazione italiana registro tumori); negli ultimi anni, grazie ai progressi della ricerca in fatto di diagnosi e cure, la mortalità si è abbassata ma gli esperti avvertono: il 40% dei tumori sarebbe evitabile.

C’è ancora molto da fare sul piano della prevenzione, insomma. Da un lato gli screening, ovvero gli esami che permettono di individuare predisposizioni genetiche o diagnosticare un tumore allo stadio precoce, aumentando le possibilità di guarigione (qui abbiamo parlato degli screening per i tumori femminili e degli esami per l’uomo); per alcuni tumori esistono dei programmi nazionali che offrono la possibilità di eseguire questi test gratuitamente.

Dall’altro lato, c’è anche la prevenzione volta a evitare l’insorgenza della malattia e questa dipende soprattutto dallo stile di vita. Cattive abitudini come il fumo, la sedentarietà e una dieta scorretta incidono non poco nell’aumentare la probabilità che compaia un tumore; in particolare, secondo gli studi dell’American Institute for Cancer Research, la cattiva alimentazione è responsabile di circa 3 tumori su 10.

La buona notizia è che, partendo dalla tavola, si può fare molto per proteggere la propria salute.
Ecco una lista di 10 cibi che secondo AIRC non dovrebbero mai mancare nella dieta quotidiana, perché ricchi di sostanze in grado di ostacolare la formazione e la crescita di cellule tumorali.

AGLIO E CIPOLLA

Foto: www.wellme.it

… ma anche porro, erba cipollina e scalogno: contengono la stessa molecola di zolfo dei cavoli. Sono infatti in grado di bloccare la formazione delle nitrosamine, sostanze cancerogene, e di rendere le cellule tumorali meno resistenti alla chemioterapia. Occhio però, le proprietà anticancro si hanno solo con aglio e cipolle freschi.

AGRUMI

Foto: www.riza.it

Ricchi di vitamina C e oltre 200 tipi di polifenoli, sono degli straordinari antiossidanti; hanno dimostrato di bloccare la crescita di cellule tumorali e liberare l’organismo da sostanze cancerogene. Le arance sono le più utili per prevenire in particolar modo i tumori dell’apparato digerente.

CIOCCOLATO

Foto: viverepiusani.it

Buone notizie per i golosi! Questo alimento è ricchissimo di polifenoli: un solo quadratino ne contiene quanto una tazza di the verde e il doppio di un bicchiere di vino rosso, a patto però di scegliere la varietà fondente almeno al 75% e senza zucchero.

CRUCIFERE

Foto: www.abcsalute.it

Cavoli, cavolfiori, broccoli e cavoletti di Bruxelles sono tra i vegetali forse meno amati, ma più salutari. Avete presente l’odore tipico che rilasciano durante la cottura? È dato da una molecola di zolfo, in grado di combattere l’Helicobacter pylori, un batterio responsabile di gastrite e ulcera ma anche di cancro allo stomaco. In più, gli studi dimostrano che mangiare almeno 5 porzioni la settimana di cavoli&co. dimezza il rischio di tumore alla vescica e al seno.

FRUTTI DI BOSCO

Foto: www.buttalapasta.it

Sono ricchi di antocianine, sostanze della famiglia dei polifenoli, con proprietà antiossidanti (soprattutto mirtilli, lamponi e fragole). Fragole e lamponi poi contengono anche acido ellagico: diversi studi hanno dimostrato che sono in grado di rallentare la crescita dei tumori.

PESCE

Foto: www.portalebenessere.com

Contiene acidi grassi essenziali, gli omega-3, che sono protettivi sia per le forme tumorali sia per le malattie cardiovascolari. In particolare, riducono il rischio di cancro al colon e alla prostata, oltre a diminuire la capacità delle cellule di maligne di metastatizzarsi.

POMODORO

Foto: www.greenstyle.it

Il merito va al licopene, il pigmento che regala colore ai pomodori: è un potente antiossidante, particolarmente efficace nella prevenzione del cancro della prostata. A differenza di molti vegetali, che perdono proprietà con la cottura, il pomodoro andrebbe consumato cotto (il licopene si libera con il riscaldamento), meglio ancora se con un grasso come l’olio d’oliva.

SPEZIE

Foto: www.greenme.it

Diverse spezie hanno proprietà antinfiammatorie e antitumorali, a cominciare dalla curcuma, di cui abbiamo parlato da poco, e dallo zenzero. Non sono meno importanti però le erbe aromatiche mediterranee: menta, timo, maggiorana, origano, basilico, rosmarino contengono delle molecole capaci di bloccare la trasformazione cancerosa di alcune cellule.

THE VERDE

Foto: www.vitadonna.it

La pianta del the contiene polifenoli in grandi quantità, ma le varietà classiche richiedono la fermentazione della foglia, che ne distrugge proprietà. Ecco perché è da preferire il the verde, da lasciare in infusione almeno 8-10 minuti: le sue catechine proteggono dal tumore alla pelle, al seno, alla prostata, al colon e al polmone.

VINO ROSSO

Foto: www.donnamoderna.com

Il vino contiene antocianine e altri polifenoli dall’azione antiossidante, utili anche per proteggere da malattie cardiovascolari e degenerative. La molecola che però è al ancora al centro degli studi è il resveratrolo, che sembra prevenire i tumori e bloccarne l’evoluzione; la dose da non superare però è 2 bicchieri al giorno per gli uomini e 1 per le donne.

 

Non dimentichiamo poi alcune regole generali: come raccomandato anche da AIRC, non serve ricorrere a cibi “strani” o ad integratori, perché la base della sana alimentazione resta sempre la dieta mediterranea.
Preferire cereali integrali, consumare 5 porzioni di frutta e verdura  di stagione al giorno, privilegiare il pesce alla carne e consumare proteine vegetali come i legumi, evitare i superalcolici, limitare sale e zucchero,  sono raccomandazioni sempre valide; se aggiungiamo mantenere il peso forma, non fumare e fare almeno 30 minuti al giorno di attività fisica, avremo in mano tutte le armi per prevenire il cancro.

Nessun commento

Scrivi un commento