Uva, tutte le proprietà benefiche per la salute | Ecocentrica
A tavola

L’uva, il frutto dalle mille proprietà

Scopriamo tutti i benefici per la salute, come il famoso resveratrolo

Che siate sollevati o dispiaciuti, l’estate è ormai agli sgoccioli e fra pochi giorni entreremo ufficialmente nella stagione autunnale. E così, sulle nostre tavole, meloni, pesche e cocomeri lasceranno il posto agli altrettanto gustosi mele, pere, castagne, kiwi e ai frutti estivi/autunnali come l’uva. Quest’ultima in realtà meriterebbe l’appellativo di “super frutto” perché ricca di una particolare sostanza, il resveratrolo, un farmaco naturale che sembra quasi miracoloso, tanto da essere studiato anche dalle più prestigiose università come la Harvard Medical School o la John Hopkins University School of Medicine.

Ma andiamo con ordine: scopriamo insieme alla Dott.ssa Monica Artoni, Dietista, tutte le proprietà nutritive dell’uva.

UVA, TUTTI I BENEFICI

Foto: www.viversano.net

«È un vero concentrato di sostanze benefiche, in commercio se ne trovano di diverse tipologie, bianca, nera e perfino rosata, ma hanno tutte proprietà abbastanza simili.
Ricca di sali minerali come potassio, fosforo, calcio, magnesio e ferro, vitamine A, C e del groppo B, acqua, fibre, glucosio (uno zucchero rapidamente assimilabile), regala energia, è diuretica e disintossicante, aiuta l’organismo ad eliminare le scorie, e inoltre è indicata in caso di intestino pigro; e i benefici non finiscono qua: è conosciuta soprattutto per il suo contenuto di polifenoli, dal potere antiossidante, che combattono l’azione dei radicali liberi proteggendo l’organismo dagli effetti dell’invecchiamento.
Quello che in pochi sanno, è che l’uva è anche un ottimo rimedio naturale per alcuni tipi di virus, come l’herpes: basta bagnare le labbra con del succo, oppure appoggiarvi un acino, perché contiene anche acido tannico e fenolo che hanno azione antisettica e antivirale

RESVERATROLO, L’ANTIOSSIDANTE PER ECCELLENZA

Foto: www.meteoweb.eu

Tra i polifenoli contenuti nell’uva, spicca sicuramente il resvetratolo, che per i suoi numerosi effetti benefici sulla salute interessa moltissimi ricercatori in tutto il mondo. Oltre a contrastare l’invecchiamento, questa sostanza sembra avere anche un ruolo di primo piano nel prevenire alcune patologie, prima fra tutti il cancro: sul sito di AIRC, nella sezione dedicata all’alimentazione, trovate il vino rosso e la spiegazione “Il resveratrolo ha dimostrato di essere efficace sia nel bloccare la progressione dei tumori sia nel prevenirne la comparsa” (ne abbiamo parlato anche qui, nel post dedicato ai cibi utili per la prevenzione dei tumori).
Quello che è certo è che migliora la circolazione, protegge pelle e cuore dall’invecchiamento, previene patologie cerebrali degenerative come Alzheimer e demenza senile, abbassa il colesterolo cattivo. Un recente studio condotto dal CREA, il più importante Ente italiano di ricerca sull’agricoltura, ha confermato nuovamente gli effetti benefici sull’apparato cardiovascolare, grazie all’azione anticoagulante che previene la formazione di trombi.

A patto però di scegliere bene: «Le varie tipologie di uva sono simili, tranne per alcune sostanze che sono più concentrate nell’uva nera; una di queste è proprio il resveratrolo, che è presente soprattutto nella buccia.»

CONTROINDICAZIONI: A CHI NON FA BENE L’UVA?

Foto: www.greenme.it

Tanti benefici, eppure non è adatta proprio a tutti. «Le persone con problemi di digestione, gastrite, ulcera, oppure colite, dovrebbero consumarla con attenzione, meglio se eliminando i semi.
Occhio anche ai diabetici, meglio optare per porzioni ridotte visto il contenuto di zuccheri e l’alto indice glicemico; stesso discorso valido anche per chi è in condizioni di sovrappeso o di obesità. Per il resto, via libera, anche per i bambini, magari togliendo buccia e semi.»

COME CONSUMARE L’UVA

Foto: www.lacucinaitaliana.it

«L’ideale sarebbe il frutto fresco, tale e quale oppure in macedonia, anche come spuntino a metà mattino o pomeriggio; come quantità, in genere non bisognerebbe superare i 100 g al giorno.
Lo zucchero d’uva è ottimo per sostituire il classico saccarosio nella preparazione di dolci, ma anche l’uva stessa oppure l’uvetta; l’uva passa è ottima anche abbinata allo yogurt, favorisce la memoria ed è un concentrato di energia, però la parola chiave è sempre moderazione perché è piuttosto calorica.
Dai semi dell’uva si ricava anche l’olio di vinaccioli: ricchissimo di grassi buoni, alternatelo al classico olio extravergine d’oliva e utilizzatelo a crudo ad esempio per condire l’insalata.
A proposito, per chi non ama i dolci, l’uva si sposa bene anche con le insalate: nella mia regione, in Toscana, usa molto quella con uva, noci e pecorino. Sostituendo questo formaggio con il grana, si ottiene un piatto più leggero ma completo e bilanciato!»

Foto: www.ansa.it

Un cenno merita il consumo di vino. Se il resveratrolo è contenuto soprattutto nell’uva nera, saranno da privilegiare i rossi: «Anche perché i bianchi contengono molti solfiti, che spesso causano effetti collaterali come mal di testa. Sì al vino rosso quindi, ma rispettando le dosi consigliate che sono 1 bicchiere al giorno per le donne e massimo 2 per gli uomini.»

 

Foto: www.chiviaggia.it

Infine, una curiosità: il contenuto di antiossidanti e l’effetto anti-age hanno fatto dell’uva un ingrediente molto utilizzato in cosmetica. Se vi incuriosisce, questa è la stagione giusta per provare la “vinoterapia”, a base di vino e uva, per combattere invecchiamento cutaneo o caduta dei capelli, ma anche per chi cerca un’azione detox o semplicemente rilassante; da nord a sud, dal Piemonte alla Toscana, sono davvero tanti i centri benessere che propongono la vinoterapia!

 

Anche tu hai la sostenibilità nel cuore? Allora attiva l’energia pulita di LifeGate Energy per la luce della tua casa. È la migliore azione per chi ha a cuore la salute del pianeta. Scegli adesso per la tua casa energia 100% rinnovabile, 100% made in Italy. Risparmia attivandola facilmente online, cliccando qui sopra.

Nessun commento

Scrivi un commento