Merendine confezionate: il cibo spazzatura che diamo ai più piccoli
A tavola

Merendine confezionate: il cibo spazzatura che non dobbiamo dare ai più piccoli

Il parere della dietista sui marchi più famosi in commercio,
gli ingredienti nocivi e i difetti nutrizionali

“Non ci vedo più dalla fame!”, recita lo slogan di una famosa pubblicità, nella quale un’attraente modella si concede una pausa golosa con una nota merendina all’aroma di arancia e ricoperta di onde di cioccolato. Uno snack dolce confezionato come tanti altri, come se ne consumano a tonnellate in tutto il mondo ogni giorno, a merenda o a colazione.
Croce e delizia di ogni genitore, le brioches industriali sono ancora il ripiego più comodo in viaggio, a scuola o a casa, quando manca il tempo di preparare qualcosa di più fresco e certamente più salutare. Sugli scaffali dei supermercati c’è solo l’imbarazzo della scelta: farcita o semplice, alla frutta o al cioccolato, ce n’è ormai per tutti i gusti.
Ricordiamo sempre di osservare bene le etichette: in molte merendine famose salta subito all’occhio qual è l’ingrediente principale, il primo nella lista: lo zucchero! Medici ed esperti sono, però, molto chiari in merito. Il quantitativo giornaliero di zuccheri da consumare per un adulto è 25 grammi e soprattutto andrebbero evitati gli zuccheri bianchi raffinati. Molto più salutari, invece, sono i dolcificanti naturali come il muscovado o la stevia.
Sempre dalle etichette, un’altra segnalazione importante. Le merendine sono troppo ricche di sciroppi di glucosio e destrosio, che innalzano rapidamente i livelli di glicemia!
Sull’eccessivo consumo di zucchero, anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità è molto chiara: un apporto giornaliero elevato sarebbe responsabile dell’aumento del rischio di obesità e disfunzioni del metabolismo, soprattutto nei più piccoli. Senza dimenticare l’assuefazione ai sapori dolci e artefatti indotta dal consumo quotidiano di queste bombe zuccherine dai colori sgargianti.

Le stesse aziende produttrici sottolineano, infatti, che le merendine NON sono indicate per i bambini sotto i 4 anni e questo è certamente un avviso da tenere in grande considerazione.
Mamme, mi raccomando, niente snack dolci confezionati per i più piccoli!
E le deludenti etichette ci svelano anche altro: grassi saturi da oli di palma e cocco, che provengono da paesi esotici e contribuiscono alla deforestazione, oltre ad essere spesso estratti con solventi chimici. E poi, l’immancabile lecitina di soia (quasi sempre Ogm!), gli addensanti, gli emulsionanti, i coloranti e gli aromi di sintesi.
Con la mia dietista di fiducia, la Dottoressa Monica Artoni, abbiamo voluto mettere sotto la lente di ingrandimento le marche più famose di merendine in commercio, per capire
esattamente quali sono gli ingredienti nocivi, le sofisticazioni alimentari e i difetti nelle proprietà nutrizionali.
Ve lo dico subito, non ci sono merendine promosse o bocciate, sono inesorabilmente finite tutte nella lista nera del cibo spazzatura!

FIESTA

Ingredienti: zucchero, grassi e oli vegetali non idrogenati, cioccolato extra 8,5% (zucchero, pasta di cacao, burro di cacao, emulsionanti: lecitine, aromi), farina di frumento, sciroppo di glucosio – fruttosio, uova, latte in polvere reidratato, cacao magro in polvere, latte scremato in polvere, alcool, siero di latte, rum, agenti lievitanti (carbonato d’ammonio, carbonato acido di sodio, aromi, succo di limone concentrato, emulsionanti: mono e di gliceridi degli acidi grassi, lecitine, sale.
«Qui l’etichetta ci svela già le prime magagne. Lo zucchero compare come ingrediente primario e principale, mentre al secondo posto come quantità troviamo i grassi e gli oli vegetali. Pessima. Non la consiglio soprattutto ai bambini, non solo per la presenza dell’alcool e del rum, ma anche proprio per l’elevato contenuto di zuccheri e l’eccessivo apporto calorico. Forse la modella della pubblicità avrebbe dovuto prediligere una merenda più sana, leggera, ricca di fibre e soprattutto biologica!»

PAN DI STELLE BRIOCHE

Ingredienti: zucchero, farina di frumento, acqua, tuorlo d’uovo, uova fresche, burro di cacao, cioccolato (zucchero, pasta di cacao, burro di cacao, aroma, emulsionante: lecitina di soia), sciroppo di glucosio, cacao 3,8%, latte scremato in polvere 3,3% sciroppo di glucosio- fruttosio, latte fresco pastorizzato, burro, fecola di patata, amido, olio di girasole, fibra vegetale: inulina, aromi (latte, soia), proteine del latte, agenti lievitanti (carbonato d’ammonio, difosfato disodico, carbonato acido di sodio), albume d’uovo in polvere, farina di riso, sale, emulsionanti: mono e digliceridi degli acidi grassi, amido di frumento.
«Bocciatissma! Il primo ingrediente in etichetta – quindi il principale – è lo zucchero, combinato agli sciroppi di glucosio e fruttosio, proprio non ci siamo. Davvero troppo alto il rischio di patologie metaboliche dovute a un consumo frequente. Oltre il limite anche i grassi saturi contenuti e gli agenti chimici aggiunti. Rispetto ai coloranti impiegati nei dolciumi e nei prodotti per l’infanzia, ricordiamo che gli elementi chimici utilizzati possono provocare allergie, intolleranze e mal di testa. Un prodotto davvero scarso, da lasciare senza dubbio al supermercato.»

KINDER BRIOSS

Ingredienti: farina di frumento (26%), zucchero, olio di palma non idrogenato, latte in polvere reidratato (8,9%), tuorlo d’uovo (6,5%), olio di girasole non idrogenato, latte scremato in polvere (4,8%), acqua, glutine di frumento, farina di riso, lievito di birra, proteine del latte, aromi, emulsionanti (mono e digliceridi degli acidi grassi), amido di frumento, sciroppo di glucosio-fruttosio, sale, cacao magro.
«Qui andiamo leggermente meglio, anche se ci troviamo comunque di fronte a un prodotto di bassa qualità e troppo ricco di calorie e zuccheri. Questo prodotto ha una caratteristica interessante: contiene olio di palma non idrogenato. Oltre agli sforzi che l’azienda sta facendo per garantire la sostenibilità ambientale delle piantagioni di origine, abbiamo buone rassicurazioni anche dal metodo di lavorazione industriale dell’olio di palma, che non prevede cotture a temperature troppo elevate, garantendo in tal modo un buon livello di salubrità per questo ingrediente.»

GIRELLA

Ingredienti: zucchero, farina di frumento, uova, oli e grassi vegetali (palma, cocco), sciroppo di glucosio, destrosio, cacao in polvere, latte scremato in polvere, emulsionanti: mono e di gliceridi degli acidi grassi, lecitina di soia, alcool, pasta di nocciole, agenti lievitanti: difosfato sodico, carbonato acido di sodio, fosfato monocalcico, sale, conservanti: acido sorbico, aromi.
«Zucchero a profusione, sia in polvere che sciroppo, davvero troppo alto il rischio di alzare i livelli della glicemia. Inoltre, contiene più del 50% di grassi saturi per porzione. La scelta di utilizzare olio di palma certamente non mi trova d’accordo. Una merendina poco salutare e molto calorica, inadatta sia a colazione che per uno spuntino di metà giornata. Da scartare, e non mi riferisco alla confezione.»

NASTRINE

Ingredienti: Farina di frumento, margarina vegetale (burro di cacao, olio di semi di girasole, olio di cocco, acqua), scorze d’arancia candite 15,4% (scorze d’arancia, sciroppo di glucosio- fruttosio, zucchero, correttore di acidità: acido citrico), lievito madre 12,1%, uova fresche, zucchero, tuorlo d’uovo, burro, lievito, olio di semi di girasole, emulsionanti: mono e digliceridi degli acidi grassi, sale, aromi (latte).

«Una porzione, vale a dire una merendina, contiene 190 calorie, più del 10% del fabbisogno giornaliero di un bambino tra i 5 e i 10 anni. Va peggio per i grassi: ogni merenda ne contiene 11,6 grammi (di cui 6 grammi di grassi saturi!), davvero tanti se si pensa che il carico massimo che un bambino dovrebbe fare ogni giorno è di 70 grammi.»

TEGOLINO

Ingredienti: zucchero, farina di frumento, acqua, uova fresche 11,3%, sciroppo di glucosio- fruttosio, cacao magro 7,1%, burro di cacao, latte intero fresco pastorizzato, sciroppo di glucosio, olio di cocco, latte scremato in polvere, olio di girasole, aromi, lattosio, fibra vegetale: inulina, emulsionanti: mono e digliceridi degli acidi grassi, agenti lievitanti (carbonato d’ammonio, difosfato disodico, carbonato acido di sodio), cioccolato 0,2% (pasta di cacao, zucchero, emulsionante: lecitina di soia), sale.
«Ancora un prodotto troppo ricco di zuccheri, ad altissimo indice glicemico e bassissimo apporto nutrizionale. Molto elevato anche il contenuto di grassi, burro e oli, una vera bomba calorica. Accontenta il palato ma non soddisfa per niente il fabbisogno alimentare dei più piccoli. Evitiamo di comprarla!»

CAMILLE

Ingredienti: zucchero, farina di frumento, uova fresche, carote 14,1%, amido di frumento, mandorle 7%, fibra solubile: oligofruttosio 5,1%, olio di semi di girasole, burro, emulsionanti: mono- e digliceridi degli acidi grassi, aromi (frutta a guscio), succo d’arancia 1,1%, agenti lievitanti (difosfato disodico, carbonato acido di sodio, carbonato acido d’ammonio), sale, maltodestrina da patata. «Certamente migliore della altre, ma per favore non cadiamo nella trappola pensando che si tratti di una merendina “sana”! Noto con piacere che non c’è olio di palma e che la dose di fibre è abbastanza buona. Originale e salutare la scelta di usare le carote e l’olio di semi di girasole. Sempre tanti, troppi gli zuccheri, che rendono questo prodotto ipercalorico e non adatto ai bambini.»

BUONDI’

Ingredienti: farina di frumento, zucchero, lievito naturale, oli e grassi vegetali (palma, girasole), tuorlo d’uovo, granella di zucchero, emulsionanti: mono e di gliceridi degli acidi grassi, olio di girasole, latte scremato in polvere, sale, albume d’uovo in polvere, pasta di nocciole, aromi.
«Non passa il test benessere nemmeno questa nota merendina, da decenni sugli scaffali dei supermercati! Il contenuto di zucchero è eccessivo, così come gli oli vegetali e i grassi saturi.
Additivi ed emulsionanti chimici a profusione, che comportano un alto rischio di allergie e alterabilità dell’umore, soprattutto se consumati quotidianamente.»

CIAMBELLINE MR DAY

Ingredienti: farina di frumento, zucchero, oli vegetali, olio di semi di girasole, olio di palma, uova fresche pastorizzate, sciroppo di glucosio, zucchero di decoro (3,9%), destrosio, zucchero, grassi vegetali (palma, cocco), amido, agenti lievitanti: difosfato disodico, carbonato acido di sodio, carbonato acido di ammonio, emulsionanti: mono e digliceridi degli acidi grassi, lecitina di soia, proteine del latte, sciroppo di sorbitolo, miele, sale, fecola di patata, aromi, aroma naturale di vaniglia da bacche.
«Analizzando gli ingredienti e le proprietà nutrizionali di queste merendine, mi sembrano tutte fatte con la stessa cattiva ricetta, cambiano solo i nomi e il colore del packaging! Seppur comode e a lunga conservazione, ricordiamo sempre che questo tipo di merendine è da evitare e non rappresenta una buona alternativa nutrizionale per i bambini. Molto meglio un alimento fresco e sano, preparato a casa, come una fetta di pane integrale con marmellata biologica oppure un pezzetto di cioccolato fondente, se vogliamo soddisfare a pieno la golosità dei più piccoli.»

Siamo cresciuti tutti con le merendine, diranno i fautori del junk food dolce e tascabile. Vero, ma siamo cresciuti male! Intere generazioni all’ingrasso che, una volta diventate adulte, hanno sviluppato una preoccupante varietà di patologie, dalle malattie cardiovascolari al diabete, fino ad arrivare alla crescente incidenza delle disfunzioni della fertilità, piaga ormai dilagante nei tempi moderni. Malattie che incidono sulla qualità della nostra vita e costano allo stato tra i 6 e 16 miliardi annui. Servono certamente provvedimenti strutturali e di mercato (perchè non allargare la nuova Sugar Tax anche ai prodotti dolciari industriali che superano la soglia massima di zuccheri?), ma soprattutto è importante educare i ragazzi ad una alimentazione corretta e al consumo di prodotti sani, nutrienti, biologici e sostenibili!

I contenuti di questo post non sono legati a nessun tipo di operazione commerciale.
Le aziende e i prodotti segnalati sono stati recensiti di mia iniziativa e in base ai miei gusti e valori.
Tessa Gelisio

Ti potrebbe anche interessare

Nessun commento

Scrivi un commento