Provato per voi

Il test: detersivi “ecologici” per pavimenti

Un occhio all’efficacia e uno alle formulazioni, per scoprire qual è il migliore detergente green

3.test detersivi pavimenti - FullSizeRender

I prodotti ecologici per la pulizia della casa sono per fortuna sempre più diffusi, ma con una scelta così ampia non è facile orientarsi e trovare un buon detersivo che permetta di pulire a fondo e che non sia sinonimo di green washing (insomma, fintamente ecologico). Come sempre, bisogna leggere attentamente le etichette.

Oggi ho voluto proporvi questo esperimento su 6 detergenti ecologici, valutandone sia l’efficacia (ho testato 40 ml di ogni prodotto sciolto in 5 litri d’acqua, sul pavimento del mio balcone suddiviso in 6 aeree uguali), sia l’INCI, per verificare che fossero realmente green. Ecco cos’ho scoperto.

Vivi Verde Coop – Detersivo per pavimenti

1.coop

Profumo: poco gradevole
Efficacia pulizia: buona
Ingredienti da segnalare: alcuni conservanti, come methylisothiazolinone e octylisothiazolinone, che possono sensibilizzare la pelle e provocare allergie, e il Bitrex, una sostanza amara che è utilizzata per scoraggiare l’ingestione accidentale di detersivo da parte dei bambini, che però è potenzialmente irritante per occhi, pelle e vie aeree.
Prezzo: € 1,15 al litro
Giudizio: buono il rapporto qualità-prezzo per la sua efficacia. Gli ingredienti sono biodegradabili ma non innocui per la salute. Sinceramente, con una certificazione Ecolabel, mi aspettavo di più

 

Brillor – Detersivo ecologico per pavimenti al pino e menta

2.brillor

Profumo: molto buono e fresco
Efficacia pulizia: ottima
Ingredienti da segnalare: nessuno, è prodotto con macerati di erbe, tensioattivi vegetali, oli essenziali. Completamente biodegradabile. Certificato vegan e biologico da ICEA.
Prezzo: € 5,30 al litro
Giudizio: un ottimo detersivo! Autoprodotto in una cascina, con erbe spontanee o di coltivazione biologica, pulisce anche lo sporco più resistente e gli oli essenziali di menta e pino regalano una ventata di freschezza!

 

Ecosì – Detersivo pavimenti igienizzante

3.ecosi

Profumo: molto buono, con oli essenziali di eucalipto e menta
Efficacia pulizia: ottima
Ingredienti da segnalare: nessuno, volendo trovare un difetto, l’alcol può causare allergie e irritazioni, specie se entra in contatto con gli occhi
Prezzo: € 4,70 per 750 ml (circa 6 al litro)
Giudizio: un altro valido prodotto. Pulisce bene i pavimenti e può essere usato anche per altre superfici; gli oli essenziali profumano e igienizzano. Gli ingredienti sono di origine biologica certificati ICEA, tutti biodegradabili, in più la confezione è in plastica riciclata. Top!

 

Almacabio – Bio2 pavimenti

4.almacabio

Profumo: gradevole
Efficacia pulizia: ottima
Ingredienti da segnalare: nessuno, anche se i tensioattivi vegetali sono ricavati dall’olio di cocco che non è propriamente un prodotto sostenibile.
Prezzo: € 5,20 al litro
Giudizio: certificato da Bioceq, è composto da materie prime naturali e vegetali al 100%. Un buonissimo detersivo, penalizzato dalla presenza di olio di cocco.

 

Ecor – Detersivo liquido per pavimenti con olio essenziale di pino

5.ecor

Profumo: molto gradevole, grazie all’olio essenziale di pino
Efficacia pulizia: ottima
Ingredienti da segnalare: sodium coceth sulfate, potassium cocoate
Prezzo: € 3,29 al litro
Giudizio: il sodium coceth sulfate è un tensioattivo con una componente di origine petrolifera, anche se non tra i più aggressivi; il potassium cocoate è un derivato dell’olio di cocco. Ecor è un ottimo marchio biologico, certificato ICEA, ma questo detersivo non è il meglio tra i loro prodotti.

 

Winni’s Naturel – Pavimenti

6.winni's

Profumo: un po’ troppo forte per i miei gusti
Efficacia pulizia: buona
Ingredienti da segnalare: sodium laureth sulfate, methylsothiazolinone
Prezzo: € 1,54 per 750 ml (circa 2 al litro)
Giudizio: la confezione verde brillante è molto invitante, però questo marchio non si può definire ecologico perché non è certificato. Affermano di utilizzare solamente ingredienti di origine vegetale, sicuri per l’uomo e l’ambiente, ma leggendo l’etichetta non sembra proprio così: il sodium laureth sulfate è un tensioattivo in parte sintetico, mentre il methylsothiazolinone, conservante, è un potente allergene e alcune ricerche lo segnalano come neurotossico. La linea fa parte dell’azienda Madel, che dice di puntare tutto sulla sostenibilità, ma a mio parere hanno ancora un po’ di strada da fare per essere “verdi” in tutti i sensi.

Nessun commento

Scrivi un commento