Green lifestyle

10 consigli per denti bianchi e sani

Il decalogo dell’esperta di odontoiatria olistica

2.consigli denti - FullSizeRender

Quando ho pensato di scrivere un articolo sulla salute della bocca, condividendo alcuni suggerimenti per avere denti bianchi e forti, ho deciso di proporvi qualcosa di diverso dal solito. Ho fatto una ricerca sulla medicina olistica nel campo dell’odontoiatria e ho trovato così lo studio della Dott.ssa Silvia Pullerone, Medico Dentista specializzata in Omeopatia e Agopuntura. Abbiamo fatto una lunga chiacchierata, molto interessante, che si è aperta con questa premessa: «Per la medicina Ayurvedica, dall’aspetto di bocca e lingua si può intuire lo stato di salute generale. Nella cultura occidentale invece abbiamo uno specialista per ogni organo, si cura solo lo stomaco o solo la gola, come se non fossero collegati. Allo stesso modo è riduttivo curare solo i denti: la medicina tradizionale spesso si ferma al sintomo, senza indagare più a fondo e cercare altrove le cause del disturbo

Insieme alla Dottoressa, ho preparato un breve decalogo di consigli e informazioni che è difficile trovare in giro: è fondamentale invece conoscere tutti i modi per curare la propria igiene orale, sfoggiando un sorriso dai denti sani e forti, e rimanere in salute, per trovare quello più adatto a noi.

1) TRATTAMENTI SU MISURA PER DENTI BIANCHI E FORTI

Ogni paziente è una storia a sé e merita un trattamento personalizzato, a partire dalle visite di controllo in genere raccomandate ogni 6 mesi: per alcuni è sufficiente una volta l’anno, altri potrebbero averne bisogno più spesso. Anche l’igiene orale casalinga è diversa per ciascuno, lo spazzolino elettrico non è adatto a tutti, c’è chi deve preferire quello manuale.
A seconda di quale sia il problema, si può curare con l’omeopatia, o con l’agopuntura, oppure integrare più terapie; le cure alternative non si possono utilizzare per tutto, ma funzionano molto bene ad esempio nelle patologie croniche e degenerative.

parodontite - salute pour femme

Foto: salute.pourfemme.it

2) CURE DOLCI PER LA PARODONTITE

La parodontite è una malattia che inizia con un’infiammazione alle gengive, poi attacca i legamenti parodontali, quelli che danno stabilità ai denti, e infine arriva fino all’osso, causandone la caduta. I protocolli tradizionali la trattano con igiene dentale professionale profonda, fatta sotto anestesia perché è necessario tagliare le gengive per pulire le radici.
Esistono però anche cure meno invasive: il laser, che elimina i batteri e stimola la ricrescita dei tessuti, oppure la mesoterapia, una terapia locale con rimedi omeopatici utili sempre per la stimolazione tissutale e per rallentare il processo degenerativo.

3) COME STA IL TUO INTESTINO?

Quasi sempre, chi ha problemi ai denti o alle gengive, ha anche degli squilibri della flora intestinale. Si tende sempre a curare le infiammazioni con rimedi sintomatici, come antibiotici e cortisone, quando il più delle volte è sufficiente assumere dei probiotici specifici. Anche un accumulo di tossine nel fegato può avere conseguenze sui denti: in questo caso consiglio ad esempio una disintossicazione con la zeolite, un rimedio naturale molto efficace.

4) OCCHIO ALL’ALIMENTAZIONE

I cibi acidi o le bevande gassate abbassano il pH della saliva e alterano la flora batterica, aprendo la strada alle carie. Così come caffè, the, il fumo, che danneggiano lo smalto: oltre al danno estetico delle macchie su denti che prima erano bianchi, possono causare anche ipersensibilità dentinale.
Attenzione insomma a tutto quello che passa dalla bocca!

5) UN AIUTO IN PIÙ PER IL BRUXISMO

È la tendenza a serrare la mascella e digrignare i denti, soprattutto nel sonno. Le cause sono diverse, sicuramente lo stress è una componente, ma a volte dietro ci sono dei problemi di respirazione, una cattiva postura della lingua, malocclusioni.
Normalmente i dentisti prescrivono solo il bite, una protezione per non usurare i denti, ma bisogna capire qual è la fonte del problema: se è l’ansia, si prescrivono Fiori di Bach o altri rimedi omeopatici per rilassare la muscolatura, se è la respirazione si corregge con appositi dispositivi.

osteopatia - www.osteopatialazzari.it

Foto: www.osteopatialazzari.it

6) LAVORARE INSIEME ALL’OSTEOPATA

Spesso i dolori causati da una scorretta masticazione si riflettono in una cervicalgia, o viceversa posture errate possono portare a una malocclusione. Ecco perché è importante allargare il raggio d’azione per trovare la causa dei disturbi.

7) AGOPUNTURA…

L’agopuntura è una cura molto utile ad esempio nel bruxismo, perché elimina le tensioni che dalla mandibola, oppure per i problemi alle articolazioni o patologie disfunzionali: c’è chi non riesce ad aprire abbastanza la bocca e normalmente viene mandato in ospedale e messo sotto anestesia anche solo per curare un’otturazione!

8) O RIMEDI OMEOPATICI

Per ridurre le infiammazioni le più indicate sono echinacea e arnica, anche in pastiglie. L’argento colloidale abbassa la carica batterica, ed è utile anche dopo un intervento. Il fluoro va assunto solo se c’è un’effettiva carenza: in questo caso si può prescrivere in forma omeopatica, che evita il problema del sovradosaggio.

9) DENTI BIANCHI

Attenzione al bicarbonato: non è adatto al fai da te. In studio lo utilizziamo solo dopo una valutazione, se lo smalto può sopportare l’abrasione e se non sono presenti infiammazioni.
A casa invece si può utilizzare salvia: sfregare una foglia sul sorriso per avere denti bianchi e gengive sane.

igiene-orale-casa - www.sorridiamo.info

Foto: www.sorridiamo.info

10) CONSIGLI PER L’IGIENE CASALINGA

Meglio preferire i dentifrici senza fluoro né agenti chimici, a base di estratti naturali, adatti anche per i bambini. Al posto del collutorio consiglio di fare sciacqui con tintura madre di calendula, diluita in un bicchiere d’acqua, utile anche per afte e lesioni.

 

Insomma, l’igiene orale è fondamentale, ma non sufficiente!

Nessun commento

Scrivi un commento