Gli ammorbidenti naturali, per le pelli più sensibili
Provato per voi

Gli ammorbidenti naturali, per le pelli più sensibili

A cose serve l’ammorbidente, i rischi per la pelle e i prodotti davvero naturali

Secondo gli esperti, l’ammorbidente è uno tra i prodotti ad uso domestico a cui dovremmo fare più attenzione. Prima di tutto, è tra i principali responsabili di allergie, dermatiti e irritazioni della pelle: le formule normalmente sono a base di tensioattivi, coloranti e profumi di sintesi, e se ci illudiamo che con il risciacquo vengano eliminati, ci sbagliamo di grosso. Le sostanze utilizzate nell’ammorbidente infatti hanno delle caratteristiche particolari per fissarsi sulle fibre dei capi (e renderli così morbidi e lisci al tatto), perciò, quando indossiamo gli indumenti, tutti questi potenziali allergeni si depositano sulla nostra pelle: un contatto prolungato che nel tempo può sfociare in eczemi e reazioni allergiche. Ma non è tutto.

Il rischio a quanto pare non è solo cutaneo: stendere in casa il bucato, come si fa durante la stagione fredda, contribuisce al cosiddetto inquinamento indoor; ovvero, le sostanze contenute nei classici detersivi, ammorbidenti compresi, sono nocive anche per inalazione.

Qual è la soluzione? Evitare di usare l’ammorbidente? Meglio di no. Confesso che l’ho ritenuto per tanto tempo un prodotto inutile, finché Fabrizio Zago, il famoso chimico industriale, non mi ha spiegato la sua funzione, che va oltre la morbidezza dei capi: se questi sono di buona qualità, non hanno bisogno dell’azione dell’ammorbidente. Serve invece per ridare ai tessuti un pH simile a quello della nostra pelle: «Il nostro pH è di 5,5 mentre quello dei detersivi, anche i più naturali, è alcalino (il sapone di Marsiglia ad esempio è 9,5); mettendo a contatto con la pelle i vestiti lavati con il solo detersivo, correremmo il rischio di irritazioni. Il vantaggio dell’ammorbidente è che ha pH 3-3,5, perciò abbassa quello dei capi lavati e lo riportandolo vicino ai nostri parametri, prevenendo così le dermatiti.» (Qui trovate questo e tutti i principali falsi miti in ambito di pulizie domestiche).

La soluzione, quindi, sta nel mezzo: non rinunciate ad usare l’ammorbidente, ma orientatevi verso i prodotti completamente naturali. I marchi di detergenza ecologica sono spesso molto attenti anche alla sicurezza per la salute, in questo caso cutanea: i prodotti che vi consiglio sono privi di ingredienti di sintesi, biodegradabili e non inquinanti per l’ambiente, e tutti adatti anche per le pelli più delicate.

Ammorbidenti ecologici pronti per l’uso

ATTITUDE – Ammorbidente Bucato all’Avena Colloidale per Pelli Sensibili (€ 10,99 / 1 L)

Un altro prodotto per la casa che ho trovato su Yumibio, un portale che ho scoperto per i marchi di cosmesi, è questo ammorbidente di Attitude, brand canadese di detergenti completamenti naturali e vegan, che ha anche una linea Baby pensata per la pelle più delicata dei bambini.
Anche questo prodotto per adulti comunque è adatto per chi ha cute sensibile o soffre di allergie, dermatite atopica, eczemi (è approvato anche dagli esperti della no profit americana National Eczema Association); contiene ingredienti naturali e ipoallergenici, e in più è arricchita da estratti di avena colloidale, famosa per le sue proprietà lenitive.
Mi piace molto: vi consiglio di non fare caso alla profumazione, diversa dai classici prodotti a cui siamo abituati, perché poi con il lavaggio sparisce completamente. Lascia i capi perfetti.

BIOPHURA – Ammorbidente Concentrato (€ 1,98 / 750 ml)

Dei prodotti di questa linea vi ho parlato spesso. Mi piacciono per diversi motivi: sono facilmente reperibili nella GDO (Tigotà, Acqua & Sapone, Caddy’s e supermercati come  Coop, Esselenga, Carrefour) a prezzi molto convenienti; sono ecologici perché contengono materie prime vegetali, certificate bio da CCPB, ottenute da fonti rinnovabili, contenuti in flaconi di plastica riciclabile e riciclata; le formule sono prive delle principali sostanze allergizzanti, come dimostrato dai test dell’Università di Ferrara.
In più, sono anche efficaci, e questo ammorbidente non fa eccezione: dall’odore gradevole, si sente che lascia i capi molti morbidi dopo il lavaggio.

BIOTEKO Terre di Narnia – Ammorbidente Camomilla (€ 4,29 / 1 L)

Anche di questa linea, la stessa dei cosmetici Officina Umbra, vi ho già parlato di recente: sto testando vari prodotti e mi stanno piacendo molto. L’azienda li lavora con metodi artigianali, utilizzando come materie prime le erbe officinali coltivate con agricoltura biologica; in questo caso, camomilla romana e salvia, due ottimi ingredienti per il benessere della pelle, che aiutano a ripristinare il giusto pH dei tessuti ed eliminare il calcare.
Anche questo un ottimo prodotto, come gli altri della linea: han un bel profumo piacevole e come ammorbidente è molto efficace.

GREEN NATURAL – Ammorbidente Profumato alla Rosa (€ 5,89 / 1 L)

Infine, un’altra azienda Made in Italy che non vi suonerà nuova se seguite Ecocentrica. La loro linea di detergenza è certificata ICEA, quindi non contiene ingredienti di sintesi né di origine animale; in più, questo prodotto è stato dermatologicamente testato ed è risultato non irritante per la pelle, è privo delle principali sostanze allergizzanti e il contenuto di metalli pesanti come Nichel è molto inferiore al limite di tolleranza raccomandato (inferiore 0,4 ppm, contro la 1 ppm prevista). INCI brevissimo.
Buono il profumo alla rosa; lascia i capi morbidi e anche molto più facili da stirare.

Ammorbidente naturale fai da te, con un super ingrediente

Un prodotto che vi consiglio di avere sempre a portata di mano è l’acido citrico: non solo per la sua efficacia, ma anche perché è un ingredienti multi-uso, che permette di sostituire tantissimi detersivi, consentendo anche di risparmiare. È ottimo come anticalcare, brillantante per lavastoviglie, per eliminare gli aloni da specchi e vetri, per liberare gli scarichi intasati… se ancora non lo conoscete, vi consiglio di dare un’occhiata a questo post sugli usi dell’acido citrico, dove vi spiego le sue proprietà e come utilizzarlo per le pulizie di casa!

Tra i suoi tanti impieghi c’è anche quello come ammorbidente: ecco la ricetta che mi ha consigliato proprio Fabrizio Zago.

Come fare l’ammorbidente con l’acido citrico

Foto: nonsprecare.it

Ingredienti:

  • 50 g di acido citrico
  • 500 ml di acqua

Procedimento:

Mescolate insieme i due ingredienti, e conservate la soluzione in un flacone provvisto di tappo.
Per ogni lavaggio utilizzatene 100 ml, da versare nella vaschetta per l’ammorbidente della lavatrice, ricordandovi di agitare prima il flacone.

Vi ho citato questa ricetta fai da te perché per me è la più efficace, ma ne esistono anche altre che potete provare, magari perché non avete in casa l’acido citrico.
Così come gli ammorbidenti ecologici che vi ho citato sono solo gli ultimi che ho provato, ma negli anni ho scoperto tanti ottimi prodotti: sfogliate la sezione Provato per voi del blog, troverete tanti consigli per le vostre eco-pulizie!

I contenuti di questo post non sono legati a nessun tipo di operazione commerciale.
Le aziende e i prodotti segnalati sono stati recensiti di mia iniziativa e in base ai miei gusti e valori.

Tessa Gelisio

Nessun commento

Scrivi un commento