Gli snack sani da portare tranquillamente in tavola | Ecocentrica
Provato per voi

Gli snack sani per la tavola

Tutte le alternative alle classiche patatine in busta

Patatine e snack entrano di diritto nell’elenco dei junk food, ovvero i “cibi spazzatura”: merendine, gelati confezionati, pop corn, pizze surgelate, bevande gassate… quasi sempre prodotti con ingredienti di scarsa qualità e coloranti, conservanti e altre sostanze di sintesi poco salutari.

Sulle patatine fritte poi, che siano quelle dei fast food o quelle in busta, si è accesso un campanello d’allarme: l’acrilammide. Si tratta di una sostanza tossica, classificata come probabilmente cancerogena da IARC, che si forma quando cibi ricchi di amido (come le patate) vengono cotti a temperature superiori a 120°; se l’ingestione fosse occasionale non sarebbe un grosso problema, ma si trova in moltissimi alimenti che consumiamo ogni giorno, come i prodotti da forno industriali: ecco perché è meglio ridurre almeno il consumo dei fritti.

Le patatine poi vengono fritte in oli di dubbia qualità, riutilizzati più e più volte, sono ricche di sale e sono una “bomba” di grassi e calorie: gli esperti sostengono che gli effetti dannosi si vedano già con un consumo di 2 volte a settimana.

Eppure, in questo periodo festivo e con il veglione di Capodanno che si avvicina, sulle tavole non mancheranno snack e patatine, che piacciono ad adulti e bambini. Se proprio non è possibile rinunciarci, almeno bisognerebbe scegliere la versione sana: fortunatamente si trova qualche prodotto bio, non fritto e con soli ingredienti naturali.

Ecco tutti gli snack sani che ho selezionato per voi:

BIO BREAK – Rice chips al chili (€ 1,50 / 40 g)

Queste le ho trovate da Natura Sì. Sono delle mini gallette al riso (quindi adatte anche ai celiaci), non fritte, rese più particolari dal gusto piccante di peperoncino, paprika e altre spezie.
Ingredienti: Farina di riso, farina di mais, olio di mais, amido di mais, sale, chili, erbe aromatiche, spezie e aromi naturali. Materie prime da agricoltura biologica.
Per me sono un po’ troppo salate, ma sono piaciute ad amici che amano molto il gusto del peperoncino.

 

COOP Fior Fiore – Taralli pugliesi con olio extravergine di oliva (€ / 12 sacchetti x 35 g)

Vi parlo spesso della linea bio di Coop, ma andate sul sicuro con tutti i loro prodotti a marchio; la linea Fior Fiore è dedicata alle specialità regionali, come i famosi Taralli, preparati secondo la ricetta tradizionale pugliese. Come vedete, la lista degli ingredienti è molto breve e non ci sono sostanze poco salutari.
Ingredienti: Farina di frumento, olio d’oliva, olio extra vergine d’oliva, vino bianco, sale, antiossidante: estratto di rosmarino.
I taralli piacciono sempre a tutti. E questi sono indubbiamente ottimi!

 

FIORENTINI Bio – SI & NO saraceno quinoa amaranto (€ 1,99 / 80 g)

Un marchio che trovate facilmente nella GDO, da Coop a Carrefour, che propone tantissimi snack salati; io ho avuto occasione di provare questi, a sostegno della Fondazione Veronesi. Bio, vegani, senza glutine, non fritti, senza olio di palma né conservanti, sono a base dei famosi “pseudo-cereali” quinoa, amaranto e grano saraceno, dalle innumerevoli proprietà e che dovremmo abituarci a portare in tavola più spesso.
Ingredienti: Grano saraceno, quinoa, amaranto, riso, olio di mais, sale. Materie prime da agricoltura biologica.
Buonissimi, croccanti, saporiti: uno tira l’altro! Questo gusto è un po’ particolare, a me piace, ma in molti hanno preferito la versione al mais (che va comunque bene).

 

PROBIOS – Bio chips di mais (€ 1,04 / 40 g)

Marchio bio di alimenti dedicati ai vegetariani, che trovate sempre da Natura Sì. La loro alternativa alle patatine è in mais e non fritta, avendo di conseguenza il 50% in meno dei grassi dei prodotti classici.
Ingredienti: farina di mais, olio di semi di girasole, sale, zucchero di canna; tutto biologico.
A me sono piaciute molto. Hanno un gusto delicato, forse più adatte al palato femminile che non a quello degli uomini.

 

PROBIOS – Snack saraceno e avena con semi di papavero (€ 1,70 / 35 g)

Tra i nuovi prodotti ci sono anche questi snack, senza glutine ma a base di altri cereali per offrire anche ai celiaci più varietà: miglio, grano saraceno, quinoa, amarano, teff e avena. Arricchiti da legumi o semi oleosi, diventano anche una buona fonte di fibre; tutti senza lievito, olio di palma e adatti anche ai vegani.
Ingredienti: farina integrale di grano saraceno, farina di avena, olio di semi di girasole, semi di papavero, sale, sempre bio.
Molto particolari, forse non adatte a tutti. Sono belle croccanti e si sente bene il sapore del grano saraceno.

 

TRAFO – Potato chips natural (€ 1,31 / 40 g)

La versione bio delle patatine tradizionali. Le patate sono bio, non sbucciate e con solo olio di girasole, come vedete dagli ingredienti.
Ingredienti: patate, olio di girasole, sale marino. Le materie prime sono biologiche e l’azienda non usa OGM né fertilizzanti chimici.
Forse la linea migliore che ho provato: ottima qualità. Queste piacciono sempre a tutti.

 

TRAFO – Tortilla chilly chips (€ 1,69 / 75 g)

Dello stesso marchio, le tortillas di mais, cibo tipico messicano che ormai è abbastanza diffuso anche da noi. Come quello precedente, anche questo prodotto è biologico e adatto anche ai vegani.
Ingredienti: Farina di mais, olio di semi di girasole, chili (sale, aglio, paprika, cipolla, zucchero, coriandolo, fieno greco, levistico).
Molto buone e belle croccanti. Non adatte però a chi non ama l’aglio!

 

TRAFO – Vegetable chips (€ 2,99 / 75 g)

Infine, una cosa più particolare ma ho voluto citarvela perché è considerata dagli esperti la migliore alternativa alle patatine, altrettanto buone e più belle a vedersi perché realizzate con verdure di colori diversi; sono facili da preparare anche a casa, per chi non avesse tempo è disponibile questa versione confezionata.
Ingredienti: Verdure in diversa composizione (carote, pastinaca, barbabietole), olio di girasole, sale.
Buonissime, belle saporite e croccanti. Lasciano un buon retrogusto.

 

Come vedete, rinunciare alle classiche patatine fritte è possibile… senza sacrificare il gusto!

 

I contenuti di questo post non sono legati a nessun tipo di operazione commerciale.
Le aziende e i prodotti segnalati sono stati recensiti di mia iniziativa e in base ai miei gusti e valori.

Tessa Gelisio

Nessun commento

Scrivi un commento