I famosi falsi miti sull'alimentazione da sfatare | Ecocentrica
A tavola

Le bufale sull’alimentazione smascherate dall’ISS

Anche l’Istituto Superiore di Sanità cerca di combattere le fake news della rete

Dite la verità: anche voi qualche volta siete andati a cercare sintomi o altre informazioni relative alla salute su Internet? Se sì, siete in buona compagnia, visto che secondo un’indagine Censis 1 italiano su 3 ha quest’abitudine. Niente di male se capita ogni tanto, ma quello che si legge in rete va preso con le pinze, perché anche il migliore degli specialisti non può fare diagnosi online. Inoltre, la rete è vasta e può dare voce a chiunque, voci autorevoli come siti poco affidabili: il rischio di incappare in quelle che vengono definite fake news (bufale belle e buone, per capirci) è altissimo, e sarebbe meglio non correrlo quando si tratta di argomenti come la salute.

A riportare un po’ d’ordine ci ha pensato anche l’ISS, Istituto Superiore di Sanità, che ha deciso di creare sul proprio portale una sezione intitolata appunto “Falsi miti e bufale”: una raccolta di oltre 100 leggende metropolitane, le più diffuse, con la relativa spiegazione supportata da dati e studi scientifici. Le bufale sono suddivise in categorie, come “Gli screening”, “L’attività fisica”, “I farmaci” e altre ancora; io ne ho scelte alcune da quella dedicata all’alimentazione.

Ecco 5 falsi miti che, sono sicura, faranno ricredere in molti.

“TUTTO IL PESCE È PIENO DI MERCURIO?”

Foto: www.wellme.it

Il mercurio certamente non fa bene alla salute: come riportato sul sito di ISS, «Alte concentrazioni di mercurio nell’organismo possono risultare tossiche per il sistema nervoso dei bambini e durante l’età fetale», motivo per cui il Regolamento CE n. 1881/2006 ne stabilisce dei livelli limite negli alimenti.
La buona notizia è in Italia i controlli, anche quelli sui prodotti in arrivo dall’estero, funzionano: nel 2014 il Ministero della Salute insieme alle ASL locali hanno analizzato 11.178 campioni tra pesce e molluschi alla ricerca di metalli pesanti, e solo 59 sono risultati inadatti al consumo umano.
Inoltre, il rischio di contaminazione non è uguale per tutti i tipi di pesce: quelli ad avere maggior contenuto di mercurio sono quelli di grossa taglia, i predatori, come tonno o pesce spada. Il consiglio di ISS è di non privarsi di un alimento come il pesce, ricco di proteine, vitamine e acidi grassi buoni; l’importante è consumarlo 2-3 volte la settimana, variare spesso la specie e preferire i pesci più piccoli.

 

“GLI INTEGRATORI MULTIVITAMINICI FANNO SEMPRE BENE E POSSONO SOSTITUIRE LA FRUTTA?”

Foto: www.medimagazine.it

Questi prodotti sono un sogno per chi non mangia volentieri frutta e verdura: basta una piccola compressa e addio alle 5 porzioni giornaliere!
Mi spiace deludervi, ma si tratta di una bella bufala. Secondo quanto si legge sul sito di ISS, «Frutta e verdura sono estremamente complesse dal punto di vista nutrizionale, troppo per essere riprodotte in laboratorio. Per questo una valida alternativa all’assunzione di frutta e verdura non è ancora stata creata e se ne raccomanda l’assunzione almeno 5 volte al giorno.» Inoltre, vengono citati due studi scientifici che hanno dimostrato che gli integratori non hanno gli stessi benefici e lo stesso effetto preventivo di frutta e verdure fresche.

 

“BARRETTE ENERGETICHE, PRODOTTI SOLUBILI ED INTEGRATORI ALIMENTARI POSSONO SOSTITUIRE ADEGUATAMENTE UN PASTO?”

Foto: www.inran.it

Le pubblicità di questo tipo di prodotti spesso fanno la loro parte per trarre in inganno i consumatori e infatti molti cadono in tentazione, soprattutto chi mangia spesso fuori casa o vorrebbe fare attenzione alla linea senza troppi sacrifici a tavola…
Secondo gli esperti di ISS barrette proteiche e beveroni non sono equilibrati quanto un pasto completo: anche chi desidera perdere qualche chilo dovrebbe seguire una dieta ipocalorica, ma sana e bilanciata.
Per quanto riguarda gli integratori, in alcuni casi possono essere necessari, ma se non utilizzati correttamente possono dare effetti collaterali o interferire con eventuali cure farmacologiche; ecco perché andrebbero assunti solo dietro prescrizione medica.

 

“7 CHILI IN 7 GIORNI: UNA DIETA RAPIDA, EFFICACE E SICURA”

Foto: www.chedonna.it

Spesso pur di trovare una perfetta forma fisica si tentano varie “scorciatoie”, ma quasi mai sono efficaci, anzi, spesso sono anche dannose per la salute. Avete mai fatto caso che, più velocemente si perde peso, più altrettanto in fretta si riprende?
ISS raccomanda due cose: evitare il fai da te quando si tratta di dieta e alimentazione. In secondo luogo, un regime troppo restrittivo non produce gli effetti sperati perché, quando si riduce troppo in fretta l’apporto di cibo, l’organismo rallenta il metabolismo per trattenere le riserve energetiche. Ecco perché appena si ricomincia a mangiare normalmente si accumula grasso in men che non si dica!

 

“LO ZUCCHERO DI CANNA È MIGLIORE RISPETTO ALLO ZUCCHERO BIANCO?”

Foto: www.meteoweb.eu

È una convinzione molto diffusa e con questa scusa ci si sente liberi di abusare di zucchero, se è grezzo. Bene, mettiamo in chiaro le cose: è lo zucchero in sé che, se in eccesso, fa male alla salute, indipendentemente dalla sua lavorazione. La quantità giornaliera raccomandata dall’OMS è di 25 g (circa 6 cucchiaini), per gli adulti però, per i bambini solo 20; e questa dose dovrebbe comprendere tutte le fonti di zucchero assunte dagli alimenti. Secondo i dati INRAN, quelli considerati più attendibili, il consumo giornaliero di zucchero in Italia si attesta su 82,5 g per gli adulti e 96,8 per i bambini! Decisamente troppo.
Che differenza c’è tra lo zucchero bianco e quello di canna? Poco e niente: la molecola del saccarosio è uguale. In quello bruno restano delle tracce di melassa, che scompaiono con la raffinazione, ma che non hanno valenza nutritiva. Insomma, lo zucchero va ridotto a prescindere, di qualunque forma o colore sia!

 

Il portale di ISS è così ricco di falsi miti su salute e stili di vita che presto affronteremo nuovamente il discorso anche qui su Ecocentrica: siete pronti a mettere in discussione le vostre credenze su vaccini, test di screening e prevenzione?

 

Anche tu hai la sostenibilità nel cuore? Allora attiva l’energia pulita di LifeGate Energy per la luce della tua casa. È la migliore azione per chi ha a cuore la salute del pianeta. Scegli adesso per la tua casa energia 100% rinnovabile, 100% made in Italy. Risparmia attivandola facilmente online, cliccando qui sopra.

Nessun commento

Scrivi un commento