Punto di vista

Otto massaggi diversi posson bastare

I massaggi più comuni e di tendenza: quale scegliere e perché

Tessa_Gelisio_massaggi

Un massaggio non vale l’altro. Ogni tecnica viene concepita con uno scopo ben preciso. Molti di noi immaginano il massaggio soltanto come una pratica rilassante per muscoli e mente, al più tonificante. Ma la verità è che se dietro proprio non c’è una scienza c’è un mondo. Conoscere e distinguere i tipi di massaggio aggiunge una cartuccia al nostro arsenale di benessere. Per un ecocentrico il corpo e la mente fanno parte di un unico ecosistema e i massaggi sono interventi di bonifica che ci liberano dalle scorie della vita quotidiana. Ecco le tecniche che ho imparato ad apprezzare e perché.

 

LINFODRENAGGIO

Massaggio che prevede movimenti dolci e leggeri, che seguono sempre una sequenza ben determinata concepita per favorire il drenaggio dei liquidi linfatici dai tessuti. Così gli spazi tra una cellula e l’altra del derma e dei tessuti sottostanti si libera dalla linfa stagnante facendo scorrere tossine e riattivando la circolazione.

Utile per chi soffre di ritenzione idrica, nei passaggi di stagione, per chi vive in clima umido e non ha un’ottima circolazione linfatica. Aiuta anche chi soffre di cellulite (ma non pensiate di cavarvela con un massaggio… servono dieta e sport).

Pro: drenaggio dei liquidi, riattivazione della circolazione. Se lo fa qualcuno poco esperto almeno non fa danni.

Unico “contro” (a mio parere):  essendo un massaggio fatto di movimenti leggeri e quasi “a sfioramento”, non agisce come fanno altri massaggi sui muscoli e sulle ossa. Ma come detto, ogni massaggio ha il suo obiettivo no? A me piace molto!

 

MASSAGGIO TERAPEUTICO / MASSOTERAPIA

L’obiettivo è correggere e le alterazioni della tonicità muscolare e i dolori articolari connessi.

Utile per chi deve curare gli stati infiammatori dei muscoli e delle articolazioni, per le contratture, come cura post traumatica. Particolarmente utile per chi fa sport.

Pro: sollievo muscolare, sensazione di leggerezza, drenaggio dei liquidi (se ben fatto), rassodamento dei tessuti.

Unico contro: difficile rilassarsi (per essere  efficace deve andare in profondità quindi a tratti può essere doloroso!!!)

 

SHIATZU

Antica pratica  manuale nata in Giappone. Vengono operate delle pressioni su alcune zone del corpo (i Meridiani dell’agopuntura) e mantenute per alcuni secondi. Queste pressioni sono intercalate da mobilizzazioni dolci delle articolazioni.

Utile per chi deve sciogliere i nostri nodi di tensione, ritrovare energia ed equilibrio psico-fisico.Non viene fatto sul classico lettino ma a terra su un futon.

Pro: energie rinnovate, sensazione di corpo più “sciolto” e aperto (simile alla sensazione che si sente dopo una seduta di yoga, a mio parere)

Contro: non sempre è facile rilassarsi durante il massaggio, spesso o lo si ama o lo si odia. A me non fa impazzire anche perché sdraiata a terra mi trovo meno a mio agio e comoda di quanto lo sia su un lettino. Molte mie amiche lo adorano e lo fanno abitualmente per rigenerarsi.

 

MASSAGGIO WATSU

È la versione acquatica dello Shiatzu.  In una sessione di questo massaggio si è cullati dall’acqua tiepida mentre i movimenti assemblano le tecniche orientali dello shiatzu e lo stretching.

Utile per chi desidera rilassarsi in un modo diverso e non ama il classico “lettino” del massaggiatore ma preferisce la sensazione di libertà e leggerezza che ti regala l’acqua

Pro: è molto rilassante, lascia una grande sensazione di leggerezza e da energia

Contro: la temperatura dell’acqua deve essere perfetta, né troppo calda né troppo fredda, altrimenti l’effetto rilassante si perde!

Mi piace molto… Sono arrivata quasi ad addormentarmi una volta!

 

Shiro_Abhyanga,_Ayurvedic_Head_Massage

 

(foto: commons.wikimedia.org)

MASSAGGIO AYURVEDICO

Massaggio energetico olistico che lavora sul sistema muscolare e circolatorio mettendo in atto nello stesso tempo i concetti orientali di energia e di scambio energetico tra chi effettua e chi riceve il massaggio. Viene fatto su tutto il corpo con olio caldo. Dal punto di vista fisico si ottiene un miglior ritorno venoso, la stimolazione del sistema linfatico e il miglioramento della circolazione arteriosa. Inoltre, creando calore, si accresce il metabolismo e si migliora l’eliminazione delle scorie, si allungano e decontraggono i tessuti e si migliora il movimento delle articolazioni. Dal punto di vista della medicina ayurvedica si ha invece un riequilibrio energetico generale da cui deriva una generale sensazione di benessere, una profonda distensione fisica e mentale, l’aumento della sensibilità e della capacità di percezione, la piacevole sensazione di sentirsi a casa nel proprio corpo.

Utile per chi sta affrontando un momento complesso di stress psico-fisico con conseguente abbassamento delle difese immunitarie.

Pro: dissolversi delle tensioni, sensazione di benessere e vitalità, riattivazione della circolazione sanguigna, drenaggio linfatico con conseguente ossigenazione di tessuti e cellule ed eliminazione di tossine. Particolarmente efficace per dolori articolari e muscolari, patologie digestive, insonnia, stress, guarigione da ferite, obesità, vista, stanchezza fisica e intellettuale, potenziamento delle difese immunitarie.

Contro: è una tecnica così completa che non riesco proprio a trovarne…  Anche se un unico neo lo ha: deve essere fatto da persone davvero esperte altrimenti l’effetto si perde.

E’ il mio preferito

 

LAVAGGIO ENERGETICO EMOZIONALE

È un tipo di terapia che si concentra in modo particolare sui chakra e da lì, provocandone l’apertura nel caso di  blocchi energetici.

Utile per chi vuole liberare nodi emozionali anche di vecchia data, un effetto indubbiamente molto positivo. Non pretende in un’ora di risolvere le tensioni e i problemi di una vita, ma può essere un bel modo di cominciare a vederli e sentirli con più consapevolezza lavorandoci in modo diverso. Si inizia con un lavoro sul corpo attraverso esercizi fisici volti a liberare le zone e i tessuti del corpo con eccesso di tensione. Successivamente inizia la trasmissione di energia da parte dell’operatore, fino a provocare un particolare tremito della muscolatura, in particolar modo quella delle gambe. È un tipo di massaggio di cui non tutti rimangono sempre soddisfatti: è un approccio sulla sfera fisica ed emotiva molto particolare, che può essere “percepito” meglio da chi è già abituato a lavorare sulla propria sfera energetica come chi pratica abitualmente yoga. Consiglio di approcciarlo con un atteggiamento di grande apertura e disponibilità affinchè i canali giusti si possano aprire per far fluire l’energia che spesso vi rimane.

Pro: riacquisizione dell’energia, buonumore, sensazione di positività, “sblocco” energetico a livello fisico e emozionale

Contro: può non avere alcun effetto per chi approccia al trattamento con scetticismo o distrattamente.

 

MASSAGGIO CON PIETRE CALDE

Tecnica che utilizza il massaggio manuale alternato all’utilizzo di pietre laviche calde e levigate. Le pietre scivolano sul corpo oleato unendo i benefici del massaggio con quelli del calore.

Utile per chi vuolerilassare tensioni muscolari e articolari, favore l’eliminazione dei liquidi in eccesso e inoltre esercita un’azione depurativa.

Pro: per chi soffre di tensioni muscolari ma preferisce sottoporsi a un massaggio leggero e “abbandonarsi” al terapeuta rilassandosi e senza il timore di soffrire!

Contro: proprio perché dolce e non particolarmente profondo, non è adatto a chi ha tensioni e blocchi più complessi

Rilassante sicuramente ma trovo sia piuttosto una coccola che un massaggio terapeutico

 

POLARITY (o Terapia della Polarità)

E’ un metodo “dolce”che unisce tecniche di varie discipline corporee occidentali e orientali. Creato in California dal dottor Randolph Scott e dal suo staff di osteopati- naturopati-chiropratici. L’operatore pratica una digitopressione producendo un effetto rivitalizzante.

Utile per chi vuolesciogliere i blocchi procurati da stress emotivo e fisico. La muscolatura contratta abbandona la tensione, libera i tessuti e i muscoli, attivando la circolazione sanguigna e linfatica. Essendo finalizzato a riequilibrare le energie e aiutando il sistema immunitario a rafforzarsi, l’approccio di un bravo massaggiatore è personalizzato a seconda delle  diverse esigenze.

Pro: rilassa la mente e il corpo, ti ricarica,  finito il trattamento ti senti immediatamente più “leggera”. A me è piaciuto tantissimo, mi ha provocato un effetto sumile al massaggio ayurvedico: completo e profondo, una vera cura del corpo e dell’anima. Dopo il massaggio i pensieri negativi e le tensioni emotive erano cancellate.

Contro: come anche le altre tecniche olistche volte al bilancaiamento delle energie fisiche e emotive, o l’approccio è “aperto” e ci si lascia andare o rischia di non avere effetto

 

Ti potrebbe anche interessare

2 Comments

  • Reply
    Claudio Chierichetti
    27 Ottobre 2015 at 19:20

    Complimenti Tessa. Ottimo e semplice reportage per orientarsi nella giungla del benessere. Ne sai più di me! Un abbraccione. Cc

  • Leave a Reply

    Secured By miniOrange
    Secured By miniOrange