EcoViaggi

Trasporti e sostenibilità ambientale: alternative “green” all’aereo

Il movimento studentesco Fridays for Future sembra aver dato i suoi frutti. Promosso da Greta Thunberg, chiedeva a gran voce ai governi e alle imprese di tutto il mondo un impegno a ridurre le emissioni di anidride carbonica, così come previsto dall’accordo di Parigi. E quando si parla di clima, inquinamento e sostenibilità ambientale, non possono essere tralasciati i mezzi di trasporto. Cosa scegliere per viaggiare limitando gli impatti negativi sull’ambiente?

Aerei, treni e altri mezzi di trasporto: emissioni a confronto

Non è un mistero che i mezzi di trasporto, in misura maggiore o minore a seconda dei casi, siano tra i grandi responsabili delle emissioni di gas serra. Oltre ad essere la prima causa dell’inquinamento urbano, infatti, danno luogo al 25% di suddette emissioni. I viaggi in aereo sembrerebbero più inquinanti di quelli effettuati con i mezzi terrestri. Il motivo? Gas come gli ossidi di azoto, hanno effetti più devastanti, ma anche più duraturi, se emessi in quota. Gli aerei sono in grado di produrre, nei tragitti brevi, 133g di anidride carbonica per passeggero, e questo ad ogni chilometro. Nei viaggi più lunghi la CO2 è destinata a salire fino a 254g. Le auto si piazzano al secondo posto; una vettura che ospita solo il guidatore genera circa 172g per chilometro. A seguire sono gli autobus urbani (104g), i treni (41 grammi), i servizi corrieri su bus (27g) e i treni veloci, o utilizzati su tratti internazionali, con soli 6g per ciascun passeggero. Esemplificando, una persona che si sposta coi mezzi da Roma a Parigi produrrà 35 Kg di anidride carbonica scegliendo il treno, 104kg in aereo e 139kg in macchina.

Quali sono le migliori alternative al treno: consigli per viaggi meno inquinanti

Da quanto scritto nel precedente paragrafo, le due alternative più sostenibili rispetto all’aereo sono treno e autobus. Anche l’auto non è un’opzione da scartare a priori. Il car sharing, infatti, è definibile come “eco-friendly”. Conducente e 3 passeggeri all’interno della stessa vettura porteranno a una riduzione della produzione di carbonio, con valori simili a quelli fatti registrare da bus e treni. Meglio ancora sarebbe acquistare un’auto ibrida, o un modello elettrico. Quando si parla di viaggi piuttosto lunghi, invece, sono i treni ad alta velocità a risultare meno inquinanti. A questo proposito, la piattaforma di Omio permette di confrontare tutte le offerte di Trenitalia e Italo per trovare la soluzione su misura per le proprie esigenze.

Come minimizzare l’impatto sull’ambiente

Perché la situazione ambientale possa migliorare nei prossimi anni, è prioritario iniziare a riconsiderare l’approccio ai viaggi, soprattutto quando si tratta di vacanze e non di spostamenti per lavoro. Scegliere mete più vicine al luogo in cui si risiede, magari propendendo per una delle splendide località del nostro Paese, rappresenta un’ottima idea. Meno chilometri in viaggio significano una quantità minore di emissioni nocive. L’aereo, per chi viaggia per motivi di turismo, dovrebbe rappresentare un “lusso” da concedersi con il contagocce. E quando l’aereo diventa una scelta obbligata, l’impatto ambientale può comunque essere mitigato. Utile, in tal caso, è prenotare voli diretti. Questo in quanto i consumi maggiori si verificano nelle fasi di decollo e atterraggio e l’assenza di scali intermedi permette all’aereo di effettuare un unico atterraggio. La consapevolezza di dover agire urgentemente ha favorito la nascita del meccanismo noto come “carbon offsetting“. In pratica, grazie a quest’ultimo le emissioni di CO2 vengono compensate supportando specifici progetti certificati. Tali progetti mirano a ridurre le emissioni tramite l’assorbimento, o eliminando completamente, la produzione di CO2. E le compagnie aeree sono in prima linea nell’appoggiare questi progetti.

Le prime manifestazioni di massa pro-ambiente, datate 2018, sono state seguite da iniziative sempre più frequenti, ai quattro angoli del globo. Riduzione del gas serra, diminuzione del numero di allevamenti intensivi, sistemi di riscaldamento sostenibili: questi i principali obiettivi. Iniziare a fare scelte più consapevoli in merito ai mezzi di trasporto costituisce già un passo importante.

Questo articolo è stato creato con la partecipazione di Omio

Ti potrebbe anche interessare

Nessun commento

Scrivi un commento