Matrimonio Green: 10 consigli per sposarsi a impatto zero
Green lifestyle

Matrimonio Green: 10 consigli per sposarsi a impatto zero

Dall’abito, al banchetto fino al viaggio di nozze: dirsi sì in perfetto stile ecocentrico

Sì, lo voglio, ma ecosostenibile! L’eco-wedding sta diventando una vera e propria tendenza e sempre più coppie virano verso scelte più consapevoli per il giorno delle nozze: dai preparativi della cerimonia, fino al viaggio di nozze, sono tanti i modi per organizzare un matrimonio elegante ma, allo stesso tempo, rispettoso dell’ambiente. Negli ultimi anni la tradizione sta cedendo il passo a cerimonie ecologiche, etiche e solidali in cui gli sposi condividono con gli ospiti i propri valori e risparmiano. Ed è questa la prima regola per un matrimonio perfetto: far sì che questo rispecchi in toto lo stile degli sposi, il matrimonio diventa così una cornice, perfettamente studiata e programmata, dello stile e dei valori che ci proponiamo di incarnare. E’ naturale quindi per chi sceglie quotidianamente uno stile di vita eco-friendly adottarlo anche quando si tratta del proprio matrimonio. 

Ecco allora alcuni piccoli suggerimenti per organizzare un matrimonio green in perfetto stile ecocentrico! Dalle fedi nuziali al bouquet della sposa: 10 consigli per dare spazio alla sostenibilità in uno dei giorni, che per definizione, è tra i più importanti della vita:

  1. Abito da sposa 

Quando si decide di fare il “grande passo” il primo acquisto è l’abito nuziale, ovvero un vestito costosissimo che con buone probabilità non verrà mai più indossato. Allora perché non fare una scelta più ecologica (e decisamente più economica) e riciclare un vecchio abito? Quello indossato da nostra madre nel giorno del suo matrimonio potrebbe essere un esempio perfetto! Avremo quindi, un abito vintage dal grande valore affettivo, rimodellato e adattato ai propri gusti e misure, e sicuramente più originale di uno confezionato. Esistono anche società che si sono specializzate nel noleggio di abiti da sposa! Se invece non si vuole proprio rinunciare ad un abito nuovo, si può sempre optare per abiti realizzati con tessuti naturali, come il cotone biologico, il lino, o pizzo e seta provenienti da materie prime rigenerate. In ultimo si può affidare il compito di creare il proprio abito ad una piccola sartoria, in modo da sostenere anche l’artigianato locale.

  1. Fedi nuziali

Sono il simbolo che suggellano l’unione tra due persone, la scelta è quindi importante: quell’anello ci accompagnerà per molto tempo (si spera!). La tradizione vuole che fedi siano in oro, ma si sa, la sua estrazione ha un forte impatto ambientale: per ottenere pochi grammi di questo prezioso metallo è necessario rivoltare tonnellate di terra e utilizzare ingenti quantità di prodotti chimici per estrarlo dagli altri metalli a cui è legato. Anche per le fedi quindi, la scelta più ecologica rimane il riciclo: possiamo dare nuova vita alle fedi dei nonni che non ci sono più, oppure raccogliere collanine, bracciali o orecchini che non utilizziamo più, rivolgerci ad un bravo orafo che le fonderà per creare delle fedi nuziali nuove di zecca. In commercio poi ci sono anche fedi ottenute da riciclo! In ultimo si può sempre optare per fedi in materiali meno preziosi, come il legno, o ancora orientarci sull’oro etico, certificato Fairtrade.     

  • Bouquet e Addobbi

Anche il bouquet rappresenta un elemento importante per la sposa, ma molto spesso viene realizzato con fiori coltivati artificialmente, oltre ad essere molto costoso. Anche in questo caso è sempre meglio prediligere fiori di stagione, meglio ancora se locali, eliminando così gli oneri ambientali dovuti al trasporto o alla coltivazione in serra. Un’alternativa al classico bouquet potrebbero essere i fiori di stoffa o di carta, vecchi bottoni colorati o magari composizioni artistiche di confetti e caramelle, da condividere con gli ospiti durante il ricevimento. Lo stesso principio vale anche per gli addobbi della struttura: piante, fiori, ed erbe aromatiche della zona, rigorosamente in vaso, sono un’ottima soluzione. Inoltre, alla fine della cerimonia, gli inviati potranno tornare a casa con un piccolo ricordo green del matrimonio. 

  • Le partecipazioni

E’ arrivato il momento di annunciare il nostro matrimonio! Per ridurre al massimo consumi e sprechi, possiamo inviare le partecipazioni di nozze via email, in questo modo potremo dare libero sfogo all’immaginazione e personalizzarle a nostro piacimento. Se invece si vuole mantenere la tradizione e consegnare l’invito cartaceo, diamo vita a partecipazioni matrimonio fai da te realizzate con carta riciclata e inchiostro biodegradabile e rifinitele con nastrini in rafia. In ultimo, un’alternativa molto originale sono le partecipazioni prodotte con la carta “che germoglia”: si tratta di un materiale che contiene fibra di cellulosa e piccoli semi che può essere interrata e trasformarsi in una graziosa piantina fiorita. Più green di così! 

  • Logistica

Se decidiamo di organizzare un matrimonio green un aspetto che dobbiamo tenere in considerazione è la logistica. Ovvero scegliere una location che vi dia la possibilità di celebrare sia il rito civile che quello religioso a pochi metri di distanza, così da ridurre gli spostamenti in macchina da parte degli invitati, soprattutto se sono tanti! Vi ringrazierà l’ambiente e, state certi, vi ringrazieranno anche gli invitati che eviteranno km di strada!

  • La location

Se vogliamo essere ecosostenibili anche il giorno del nostro matrimonio possiamo orientarci su strutture immerse nel verde, dove a prevalere saranno legno e materiali green circondati dalla natura. Nella scelta potete tenere conto anche di come viene prodotta l’energia utilizzata: moltissime strutture scelgono di produrre energia da fonti rinnovabili utilizzando i pannelli solari o fotovoltaici. Un altro punto da non sottovalutare è quello di accertarsi che durante il rifresco non si faccia uso di stoviglie usa e getta, soprattutto durante il buffet. Sapere inoltre, che la struttura pratica una corretta raccolta differenziata dei rifiuti, potrebbe davvero fare la differenza nella scelta. 

  • Il banchetto

Cibi di stagione e chilometro zero, meglio ancora se biologici, sono d’obbligo in un matrimonio eco-friendly. Quindi orientarsi su strutture che lavorano i prodotti che coltivano, come avviene negli agriturismi, sarebbe la scelta ideale, ma negli ultimi tempi è facile trovare anche ristoranti e servizi di banqueting che utilizzano prodotti provenienti da agricoltura biologica e locale per i loro menù. Una cosa fondamentale da tenere in considerazione è che venga sprecato meno cibo possibile durante il ricevimento. Per evitare che questo accada bisogna assicurarsi che il menù non sia troppo abbondante e, in caso di avanzi, non abbiate vergogna ad organizzare la doggy bag da offrire agli invitati! 

  • Lista nozze 

Le classiche liste nozze molto spesso diventano un problema durante l’organizzazione di un matrimonio: dove farla? Quali regali inserire? Come evitare di ritrovarsi casa invasa da oggetti inutili? Un’alternativa green può essere la lista solidale, ovvero chiedere ai nostri invitati di fare delle donazioni ad associazioni benefiche, al posto dei regali. La scelta è vastissima, ma se siete indecisi ve ne posso consigliare alcune. forPlanet, ad esempio, la onlus che sviluppa progetti per la tutela e la conservazione degli ecosistemi naturali, oppure contribuire a una delle tante iniziative ambientaliste della Legambiente. O ancora, se avete a cuore gli animali, potete chiedere ai vostri invitati di fare una donazione alla Lega per la difesa del cane, sempre in prima linea per i nostri amici a quattro zampe o alla Lipu e ai suoi centri di recupero per la fauna selvatica.  

  • Bomboniere

Anche per le bomboniere puntare all’essenziale deve essere la priorità, meno rifiuti si producono meglio è! Oltre alle classiche piantine, sempre molto apprezzate, da qualche tempo è possibile adottare un albero, una bomboniera molto originale che renderà felice chi lo riceve e aiuterà a compensare le emissioni di Co2. Oppure si può optare per le bomboniere solidali prodotte dalle associazioni che abbiamo scelto di sostenere con la nostra lista nozze. In ultimo possiamo donare ai nostri invitati prodotti alimentari del territorio, come vino, olio o conserve, che sicuramente non verranno gettate nella spazzatura o dimenticate in un cassetto. 

  1. Viaggio di nozze

Quando si decide di sposarsi il viaggio di nozze non può assolutamente mancare! E dopo aver scelto di organizzare un matrimonio green perché non optare anche per un viaggio attento all’ambiente? Possiamo optare per strutture ecosostenibili, come gli eco-hotel oppure, se non vogliamo rinunciare al lusso, possiamo scegliere degli eco-resort (air-bnb ha fatto una classifica di quelli più belli d’Italia). Per quanto riguardo il viaggio, se rimaniamo in Italia possiamo scegliere il treno come mezzo di trasporto (non c’è niente di più romantico!).

E adesso che tutto è pronto, non resta che pronunciare il fatidico Sì!

Ti potrebbe anche interessare

Nessun commento

Scrivi un commento