Provato per voi

Il test: confetture a confronto

Scegliere la confettura senza zuccheri aggiunti

4.confetture - FullSizeRender

La marmellata è uno di quei cibi che non mancano mai nelle case. Spalmata sul pane o usata per farcire una dolce crostata, la consumiamo tutti i giorni o quasi, convinti che sia un alimento salutare. In effetti lo è, anche se non al pari della frutta fresca; ma soprattutto, occorre leggere bene le etichette per capire la percentuale di frutta, di zuccheri e verificare la presenza di altri ingredienti non necessari, come i conservanti.

La frutta deve essere il primo ingrediente della lista: questo significa che è presente in buona quantità. Per legge, in una confettura la percentuale di frutta deve essere almeno del 35% (che sale al 45% in caso di confettura ‘extra’); più ce n’è e meglio è, ma occhio a non cadere nei claim ingannevoli che promettono frutta al 100%: verificate con i vostri occhi!

Attenzione anche alle diciture “senza zucchero”: potrebbero aver escluso lo zucchero comune ma non altri dolcificanti, tra cui quelli artificiali come l’aspartame. La frutta di per sé è già dolce, perciò la soluzione migliore è scegliere un prodotto senza zuccheri aggiunti!

Io ne ho provate 5, tutte al mirtillo perché è il mio gusto preferito, tra prodotti artigianali e industriali: qui troverete i risultati del mio test, con i commenti sull’etichetta e la prova d’assaggio.

 

SARCHIO – composta di mirtilli selvatici (€ 5,50 / 230 g)

sarchio

Consistenza: ottima, è cremosa e morbida ma corposa, si sentono i veri mirtilli
Sapore: assomiglia molto a una composta fatta in casa, si sente quel giusto mix di dolcezza e lieve asprezza dei veri mirtilli di bosco
Ingredienti: la frutta è il primo ingrediente; infatti la percentuale di mirtilli è del 55%. Non contiene zuccheri ma solo succo di mela. Nessun ingrediente da segnalare. Certificato bio da CCPB.
Giudizio complessivo: per essere un prodotto da grande distribuzione è davvero speciale! Credo che valga la pena anche il prezzo più alto della media dei prodotti analoghi.

RIGONI DI ASIAGO – Fiordifrutta mirtilli neri di bosco (€ 2,13 / 250 g)

rigoni

Consistenza: buona, ha una buona corposità
Sapore: buono, assomiglia al vero mirtillo. Si sente la naturalezza quasi fosse fatta in casa
Ingredienti: frutta sempre in cima alla lista ingredienti, presente per il 55% del prodotto. Oltre ai mirtilli, contiene solo succo di mela e pectina. Materie prime da agricoltura biologica.
Giudizio: è tra le mie preferite ed è la migliore in termini qualità-prezzo.

CARREFOUR BIO – Cuor di Mirtillo (€ 2,59 – 240 g)

carrefour

Consistenza: buona
Sapore: la prima cosa che sento è la dolcezza, poi arriva il sapore del mirtillo
Ingredienti: anche in questo caso la frutta è il primo ingrediente (55%). Seguono il succo d’uva come dolcificante, la pectina e il succo di limone. Da agricoltura biologica.
Giudizio: gli ingredienti sono ok, ma a mio parere è un po’ troppo zuccherosa e questa dolcezza copre la frutta, senza far percepire naturalezza.

SOLO FRUTTA BIO – Mirtilli (€ 3,84 – 295 g)

solo frutta

Consistenza: media, un po’ troppo liquida per i miei gusti
Sapore: sento lo zucchero (anche se è dichiarato quale zucchero della frutta) prima di sentire il mirtillo. Per me è stucchevole (ma è la preferita del mio fidanzato, non così incline alla ricerca del naturale e amante dei sapori più forti)
Ingredienti: per primo c’è la frutta; in etichetta c’è scritto che è oltre il 90% del totale. Poi ci sono solo il succo d’uva e il succo di limone (nessun gelificante, per questo la consistenza più liquida). Certificato biologico da AIAB.
Giudizio: non è il mio genere, troppo dolce e non sembra naturale; costa anche più di altri prodotti. Però i gusti sono gusti ed è da provare: sulla carta, è ottima.

LE CONSERVE DEL TRENTINO BIO – composta di mirtilli neri (€ 2,69 – 250 g)

le conserve del trentino

Consistenza: buona
Sapore: medio. Il mirtillo non è coperto dagli zuccheri, però manca di intensità
Ingredienti: solo frutta. Coltivata in Trentino e biologica.
Giudizio: nel complesso non è male, si sente il sapore originario del mirtillo vero anche se di media intensità. Il fatto che non contenga altri ingredienti se non frutta è sicuramente positivo.

 

Allora, avete scelto la marmellata con cui farete colazione domani mattina?

Nessun commento

Scrivi un commento

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi