Green lifestyle

Campi di volontariato per giovani: aiutare l’ambiente, divertendosi

Volontariato ambientale

Sin da ragazza ho avuto sempre molto a cuore la protezione del Pianeta. Già da giovanissima avevo compreso quanto importante fosse proteggere il nostro patrimonio ambientale, con azioni concrete di tutela. E così non sono mancate delle esperienze di volontariato che, oltre a rendere tangibile il mio desiderio di aiutare la natura, mi hanno permesso di entrare in contatto con varie realtà sul territorio e di appassionarmi sempre di più all’ambientalismo.

Ho trascorso le mie estati, dai 14 ai 18 anni, prestando volontariato in centri di recupero di fauna selvatica. Ed è stata un’esperienza davvero formativa, a 360 gradi, anche oltre ai temi dell’ambientalismo a cui sono da sempre molto legata. Ho infatti potuto avvicinarmi al mondo degli adulti, in un contesto internazionale con biologi provenienti da tutto il mondo, imparando anche a lavorare in team. Un confronto che è stato certamente utile per la mia successiva vita lavorativa, poiché propedeutico proprio al mondo del lavoro, un vero e proprio curriculum di esperienze e capacità acquisite insostituibili.

Quella di partecipare a un campo di volontariato, magari dedicando qualche settimana delle proprie vacanze scolastiche, è un’esperienza che tutti i giovani dovrebbero provare almeno una volta nella loro adolescenza. E oggi le possibilità sono le più svariate: tra associazioni ed enti, se si vuole aiutare la natura le opzioni non mancano. Ma come orientarsi fra queste mille possibilità? Ho raccolto per voi alcune proposte interessanti.

Sull’Isola dell’Elba con Legambiente

Volontariato all'Isola dell'Elba

Il primo consiglio che voglio fornire ai ragazzi che si vogliono avvicinare al volontariato è quello di scegliere una realtà seria, strutturata e capillare sul territorio come Legambiente. Con più di 40 anni di storia, l’associazione rappresenta un vero punto di riferimento per la tutela ambientale su tutto lo Stivale e, da diversi decenni a questa parte, organizza i più svariati campi di volontariato per giovani e giovanissimi.

Si parte con le ormai imminenti vacanze di Pasqua, con un’esperienza da vivere sull’Isola dell’Elba. Legambiente è infatti alla ricerca di volontari per proteggere la zona umida di Mola, un’area centrale per l’ecosistema dell’Arcipelago Toscano: assorbe infatti le piogge e argina il pericolo inondazione. Ed è anche un’occasione unica per ammirare da vicino moltissimi uccelli migratori.

Non è però tutto, poiché Legambiente organizza campi di volontariato sia in Italia che all’Estero, sia per i ragazzi dai 14 ai 17 anni che dai 16 ai 26. La maggior parte delle esperienze dura una quindicina di giorni ed è possibile scegliere fra diverse attività di tutela, per le campagne “Spiagge e Fondali Puliti”, “Festa dell’Albero”, “Giornata delle Zone Umide” e molto altro ancora.

Un’estate in Toscana e Sardegna con Lipu

Campo estivo Lipu

Lipu è un’associazione italiana che non ha bisogno di troppe presentazioni: attiva dal 1965, si occupa della protezione delle più svariate specie d’uccello presenti sulla Penisola, con tante iniziative anche legate alla protezione degli habitat naturali e alla tutela della biodiversità.

In occasione delle vacanze estive, Lipu organizza due campi di volontariato che permetteranno di vivere a strettissimo contatto con la natura sia in Toscana che in Sardegna. Il primo è dedicato ai ragazzi dai 14 ai 18 anni, i quali potranno trascorrere diversi giorni di formazione, azioni sul campo e socializzazione presso l’Oasi Lipu Massaciuccoli in Maremma, all’interno del Parco Migliarino San Rossore. Un’occasione utile per conoscere e ammirare da vicino la fauna e gli habitat toscani, imparando azioni utili per proteggere questi paradisi dall’inquinamento e dalle interferenze dell’uomo.

Per i ragazzi che hanno già raggiunto la maggiore età, invece, è possibile partecipare come volontari a un campo antibracconaggio. Durante l’estate è possibile recarsi in diversi luoghi della Sardegna, allo scopo di eliminare trappole e gabbie sparse illegalmente per catturare uccelli di piccola taglia. Se si preferiscono le vacanze di primavera, invece, si può partire per la Calabria per presidiare il territorio contro il bracconaggio dei rapaci migratori.

Dalle tartarughe al fratino: i campi del WWF

Campi WWF

Da un singolo weekend a settimane di volontariato: sono tante le proposte del WWF per chi desidera dedicare parte del proprio tempo alla tutela dell’ambiente e degli animali. L’organizzazione, fondata nel 1961 e conosciuta in tutto il mondo anche per il suo iconico panda, offre diverse esperienze da vivere in Italia, anche per i bambini.

Il primo progetto riguarda l’Oasi WWF di Policoro, in Basilicata, dove è possibile trascorrere una orientata soprattutto alla protezione delle tartarughe. I giovani e giovanissimi potranno impegnarsi nel monitoraggio delle spiagge per la ricerca e la protezione dei nidi della Caretta caretta. Ma anche censire la fauna locale, dalla lontra al lupo, progettare nuovi spazi per gli animali ospitati presso l’oasi e lanciarsi in escursioni in barca a vela lungo la costa.

Presso l’Oasi WWF di Torre Guaceto, in Puglia, sono disponibili diversi campi della durata di una settimana, suddivisi su tre progetti. Con “Salva Fratino” si potrà monitorare le spiagge alla ricerca del fratino, un uccello indispensabile per la biodiversità ma sempre più minacciato, con il censimento di nidi e uova. Il progetto “Tartarughe” è dedicato invece alla protezione dei nidi di Caretta caretta, al recupero degli esemplari in difficoltà e alla liberazione di quelli guariti. Infine, il progetto “Cura” permette di affiancarsi al personale dell’Oasi per la manutenzione dei sentieri e la pulizia delle spiagge.

Il campo WWF Crotone, in Calabria, offre infine la possibilità di alternare momenti di attività sul campo ad altri di formazione, per la tutela e il salvataggio di tartarughe marine, rapaci e tutta la fauna che caratterizza l’entroterra calabro.

Aiutare i Parchi Nazionali

Volontariato parchi

Infine, vi voglio proporre alcune iniziative nate per aiutare alcuni dei più importanti Parchi Nazionali italiani, dei luoghi d’eccellenza per la tutela della biodiversità e dell’ambiente.

Ad esempio, il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise offre diversi campi di volontariato dedicati alle più disparate fasce d’età. Vi sono infatti attività per bambini, per i ragazzi delle scuole medie e superiori, per la famiglia e anche per i senior. I progetti sono fra i più svariati e comprendono la pulizia delle aree verde dai rifiuti, presidi a protezione delle specie protette, lavori di manutenzione per il parco, escursioni per il controllo del territorio, marcatura dei sentieri e incontri di educazione ambientale dedicati ai più piccoli.

Anche il Parco Nazionale Gran Paradiso organizza ciclicamente dei campi di volontariato dedicati a giovani e giovanissimi, con l’iniziativa “Campi d’Esperienza”. Il progetto ha subito un breve stop a causa della pandemia da Covid-19, ma consiglio di visitare di frequente il sito ufficiale per ogni aggiornamento.

Non perdete l’occasione di fare un’esperienza che può cambiarvi la vita: aiutare l’ambiente, difendere gli animali e stringere nuove amicizie, il tutto anche all’insegna del divertimento!

Ti potrebbe anche interessare

No Comments

Leave a Reply

Secured By miniOrange
Secured By miniOrange