Leggere per distrarsi e informarsi: i libri green che vi consiglio!
Green lifestyle In evidenza

Leggere per distrarsi e informarsi: i libri green che vi consiglio!

Saggi, romanzi e testi per i più piccoli, tutti secondo la filosofia di vita ecocentrica

Quante volte vi è capitato di scrivere lunghi elenchi di libri che vorreste leggere e poi, per mancanza di tempo – e voglia! – non riuscite mai ad iniziare nemmeno il primo capitolo? Ormai da giorni viviamo confinati in casa a causa della drammatica epidemia di Coronavirus. Non uscire è un dovere civico e morale, un comportamento vitale per proteggere noi stessi e gli altri, soprattutto le persone più deboli e vulnerabili.

E, allora, perchè non tirare fuori dal cassetto le famigerate liste dei books to read e approfittare delle lunghe giornate in casa per iniziare un nuovo, appassionante volume?

Un modo intelligente per tenere lontana la noia, non farsi catturare dall’ansia da COVID19 e soprattutto imparare qualcosa in più!

Per darvi qualche spunto fantasioso e creativo, ho pescato alcuni titoli dalla mia personale selezione ecocentrica: i testi che mi hanno coinvolto e appassionato di più, i libri che mi hanno ispirato e i volumi più aggiornati sui temi che mi stanno più a cuore: la natura e l’ambiente!

Non vi preoccupate, ce n’è comunque per tutti i gusti, dai classici alle novità, dai testi con le ultime ricerche scientifiche alle guide pratiche per uno stile di vita a basso impatto ambientale, fino ai romanzi e ai libri per bambini, per coinvolgerli fin da subito nella missione di tutelare il pianeta. E anche qualche spunto per informarsi su ciò che sta accadendo nel mondo!

“FARMAGEDDON”, di Philip Lymbery, il vero prezzo della carne economica.

Iniziamo da un testo quanto mai attuale, per chi vuole capire meglio come nascono i nuovi supervirus e batteri, che si annidano negli sconfinati allevamenti intensivi dove mucche, maiali e polli vivono ammucchiati e bombardati di antibiotici. La moderna politica intensiva nei settori dell’agricoltura e dell’allevamento è una minaccia per l’ambiente e per la nostra salute.

I fatti sono incontrovertibili e sconcertanti. Cereali e soia che deforestano l’amazzonia per essere coltivati e poi usati come mangime animale. La fauna selvatica è sistematicamente distrutta. I rischi di questo sistema sono alti: metà degli antibiotici usati al mondo viene regolarmente somministrata agli animali negli allevamenti intensivi, contribuendo alla nascita di superbatteri letali e resistenti. 

Philip Lymbery ci guida in un incredibile (e a tratti inquietante) viaggio dietro le quinte di un’industria che in tutto il mondo è ormai fuori controllo. Un catalogo di devastazioni, che convincerà chiunque, anche i più scettici, che l’allevamento intensivo non solo sta provocando un collasso ecologico, ma rappresenta un devastante bacino di nuovi agenti patogeni pericolosi per la salute mondiale.

“OCCHIO AI VIRUS”, di Giovanni Maga, se li conosci sai come difenderti.

Giovanni Maga, Virologo del CNR e docente all’università di Pavia, studia i meccanismi di replicazione del genoma nei virus e nelle cellule animali per sviluppare nuovi farmaci antivirali e antitumorali. Perchè i virus sono dappertutto: ogni giorno ne assorbiamo milioni, respirando e mangiando, e portiamo perfino antiche tracce virali nel nostro stesso genoma.

In un mondo sempre più affollato, mobile e veloce, i virus hanno tante opportunità per infettarci. Epidemie come l’AIDS, l’influenza suina, l’ebola, la SARS o il nuovo Coronavirus preoccupano notevolmente gli esperti di salute pubblica. Anche se i virus ci fanno paura, in molti casi abbiamo imparato a difenderci grazie a farmaci e vaccini che interferiscono con il loro ciclo vitale. Ma se vogliamo che per i virus sia più difficile infettare animali ed esseri umani, dobbiamo prima di tutto limitare l’impatto delle nostre attività sull’ambiente. Un libro illuminante, ideale per chi sceglie di affidarsi alla scienza e non cedere al panico e al contagio emotivo.

“ARMI, ACCIAIO E MALATTIE” di Jared Diamond, breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni.

Armi, acciaio e malattie: in poche parole la supremazia degli Europei che sbarcarono nel Nuovo Mondo. E perchè sono stati proprio gli europei ad aver assoggettato gran parte degli altri popoli? Secondo Diamond le diversità culturali affondano le loro radici in diversità geografiche, ecologiche e territoriali sostanzialmente legate al caso. Attingendo alla linguistica, all’archeologia, alla genetica molecolare e a mille altre fonti di conoscenza, Diamond riesce a condurre questo “tour de force” storico-culturale con sorprendente maestria, affiancando aneddoti personali a racconti drammatici o a spiegazioni di complesse teorie biologiche, che affronta con abilità di divulgatore. Un grande classico per capire anche come è avvenuta l’evoluzione di alcuni agenti patogeni con il progressivo affermarsi della civiltà umana.

“INTELLIGENZA ECOLOGICA” di Daniel Goleman, per comprendere che rispettare l’ambiente è fondamentale per la nostra stessa sopravvivenza.

“La cura per l’ambiente non è un movimento o un’ideologia: è il nostro prossimo gradino evolutivo.”  Questa è forse la frase che meglio rappresenta il contenuto del libro: il professore di psicologia di Harvard, Daniel Goleman, dopo i precedenti saggi “Intelligenza emotiva” e “Intelligenza sociale”, ha dedicato alla sostenibilità ambientale la terza strada per migliorare la nostra qualità di vita. Rispettare il pianeta è questione di vita o di morte (nostra), perciò diventare consumatori consapevoli deve essere considerata una strategia di sopravvivenza: l’autore porta l’attenzione su tutto quello che ci sembra “green” ma non sempre lo è, per abituare i lettori a riflettere sul reale impatto ambientale, e sociale, dei nostri acquisti e delle nostre abitudini. In tutto, spiega, c’è un cartellino del prezzo nascosto: sta a noi imparare a leggerlo, perché il conto lo paga il pianeta, e di conseguenza noi esseri umani in termini di benessere. Un libro che fa riflettere e ripensare alle nostre azioni quotidiane.

“ATLANTE MONDIALE DELLA ZUPPA DI PLASTICA” di Michiel Roscam Abbing, per conoscere le dimensioni dell’emergenza plastica.

Sapete cos’è la “zuppa di plastica” a cui fa riferimento il titolo? Gli oceani di tutto il mondo. La plastica è un materiale che ha rivoluzionato l’industria, ma si è anche trasformata in un’enorme fonte di inquinamento, soprattutto per i mari: è lì che finisce la maggior parte della plastica prodotta nel mondo. Recente pubblicazione di Edizioni Ambiente, scritto con il contributo di Legambiente (per la parte dedicata al Mar Mediterraneo), fa un quadro della situazione attuale descrivendone le cause, per poi dedicare una seconda parte alle possibili soluzioni per arginare il problema. L’autore è anche fondatore della Plastic Soup Foundation, che raccoglie dati e ricerche sulla lotta all’emergenza plastica.

“IL CLIMA È (GIÀ) CAMBIATO. 10 BUONE NOTIZIE SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO” di Stefano Caserini, perché siamo ancora in tempo per invertire la rotta, ma non possiamo più aspettare.

Sempre di Edizioni Ambiente questo libro di Stefano Caserini, ingegnere ambientale e uno degli autori del blog Climalteranti, che espone una delle più grandi preoccupazioni degli scienziati, il riscaldamento globale, sotto una nuova prospettiva: quello che di positivo possiamo ancora fare, la politica e tutti noi, per cambiare le cose. Che la situazione sia grave è innegabile, ma, sostiene, il terrorismo non è il metodo migliore per dare la spinta a trovare soluzioni alternative; quello che ci può invece motivare a intraprendere un cambiamento è la speranza. “La storia di come gli esseri umani del XXI secolo hanno cambiato il clima del pianeta è in buona parte ancora da scrivere. Le scelte che faremo nei prossimi decenni contano assai”: renderci conto che il potere è tutto nelle nostre mani è il primo passo per agire.

“IL LIBRO NERO DELLO SPRECO IN ITALIA: IL CIBO” di Andrea Segrè e Luca Falasconi, tutti i numeri di un problema ambientale, economico e morale.

File interminabili alle casse dei supermercati, scaffali svuotati e corsa sfrenata alle scorte alimentari: con l’allarme Coronavirus, noi tutti abbiamo avuto la tentazione di riempire la dispensa di casa con prodotti più o meno deteriorabili. Attenzione agli sprechi! I dati sono allarmanti, solo in Italia viene gettata nell’immondizia una quantità di cibo che potrebbe sfamare tre quarti della popolazione nazionale!

Questo libro di Andrea Segrè non si limita a fornire numeri, ma analizza tutta la filiera agroalimentare, sottolineando dove avvengono gli errori che portano a questo fenomeno; oltre a cause e conseguenze, vengono forniti anche una serie di consigli pratici anti-spreco, tra cui il programma Last Minute Market fondato dallo stesso Segrè che tra le altre attività si occupa di recuperare le eccedenze di cibo per donarle. Un libro utile oltre che interessante.

“ECOESPLORATORI” di Vincent Bergier, per sensibilizzare i più piccoli al rispetto dell’ambiente.

Bisognerebbe imparare fin da bambini a rispettare il pianeta in cui viviamo: ma come spiegare loro l’importanza di certi temi ed educarli all’amore per la natura? Un modo molto semplice sono le letture, da cui possono imparare divertendosi, specie se stimolano la loro curiosità.

Uno dei più famosi libri di ecologia per bambini è “Ecoesploratori”, che racconta dei problemi più gravi che affliggono la Terra e invoglia i piccoli lettori a compiere anche solo piccoli gesti per cambiare le cose; vengono proposti decine di attività e progetti, naturalmente alla loro portata, per farli sentire attivi e partecipi. Dopo tutto, il fenomeno Greta Thunberg non ci ha insegnato che i veri promotori di un cambiamento sono i più giovani?

“TERRE DEL FINIMONDO” di Jorge Amado, per gli amanti dei romanzi (ma con un fondo di verità).

Infine, ne consiglio uno che, seppur sotto forma di racconto, si attiene alla vita reale dello scrittore e aiuta a vedere più da vicino il problema della deforestazione in Amazzonia.

Al centro della trama, due famiglie in guerra tra loro per ottenere il controllo di una zona di foresta in cui impiantare una coltivazione di cacao, preziosa merce di scambio per i brasiliani all’inizio del novecento; tutti avvenimenti a cui Amado ha assistito durante la sua infanzia, quando il padre lavorava in una piantagione di cacao: è la storia vera di come l’uomo ha iniziato a distruggere la preziosa foresta tropicale per puri interessi commerciali.

La fine, nella vita reale, la conosciamo purtroppo molto bene, con le terre dell’Amazzonia e i suoi abitanti piegati dall’avidità di alcuni; l’autore nel libro usa l’espressione “il cacao coltivato col sangue”, che non potrebbe essere più azzeccata. Una lettura molto avvincente.

“100 GREEN JOBS PER TROVARE LAVORO”, di Tessa Gelisio e Marco Gisotti, guida alle professioni sicure, circolari e sostenibili. 

Chimico verde, cuoco, esperto di marketing ambientale o di acquisti sostenibili: i profili professionali più spendibili sul mercato sono al centro del mio nuovo libro, scritto con Marco Gisotti ed edito da Edizioni Ambiente. Un’attenta selezione delle 100 professioni più richieste dalle imprese nazionali. 100 green jobs ad alto potenziale occupazionale e di carriera. 100 lavori che offrono le maggiori prospettive di innovazione e stabilità. Di questi, il 70% appartiene al mondo dei green jobs in senso stretto, ma tutti richiedono la propensione alla sostenibilità. Un manuale perfetto per gli studenti che devono scegliere il percorso formativo da seguire in una nazione dove l’alto tasso di disoccupazione giovanile si abbina alla carenza di figure professionali richieste dalle imprese.

Naturalmente le proposte di lettura a tema ambientale sono infinite, quindi, se avete qualche titolo da consigliare, scrivetelo pure nei commenti: allunghiamo questa lista il più possibile!

I contenuti di questo post non sono legati a nessun tipo di operazione commerciale.
Le aziende e i prodotti segnalati sono stati recensiti di mia iniziativa e in base ai miei gusti e valori.

Tessa Gelisio

Ti potrebbe anche interessare

2 Commenti

  • Commenta
    Giulia
    23 Marzo 2020 at 13:29

    Lo ammetto sto usando questa quarantena per terminare i libri comprati nei mesi scorsi, me ne restano 4, e la lista di quelli da prendere prossimamente si allunga il ho trovato titoli molto interessanti nella tua selezione

    • Commenta
      Tessa Gelisio
      6 Aprile 2020 at 15:25

      Bravissima!

    Scrivi un commento