Tovaglie da tavola Eco e Solidali
Green Fashion

Tovaglie da tavola Eco e Solidali

La tovaglia è il simbolo per eccellenza della convivialità e per ritrovarsi nuovamente con amici e parenti non c’è niente di meglio di una mis en place ecosostenibile. Eccone alcune che ho scelto per voi!

Finalmente siamo liberi di muoverci: raggiungere i parenti lontani, le località di vacanza e non solo. Ammesse le riunioni familiari e i ritrovi con gli amici, insomma è arrivato il momento di sederci a tavola e brindare a una nuova “normalità” (ma sempre responsabilmente!). Allora non c’è niente di meglio di una mise en place colorata e accogliente e che sappia coniugare anche il rispetto per l’ambiente. Quello della sostenibilità ambientale è diventato un imperativo che riguarda tutti i campi produttivi. Un’importante trasformazione epocale che ha già investito ampi settori industriali, anche della moda, e che non poteva non coinvolgere il mondo dell’arredamento e più in generale di tutti gli oggetti per la casa. Sempre più aziende infatti, stanno adeguando la loro produzione, puntando su due parole chiave: rispetto e recupero. Rispetto per la natura, per le risorse, per le persone e estrema attenzione per le materie prime, all’uso dell’energia e ai saperi tradizionali.

Ideazione, selezione delle materie prime e realizzazione vengono attuati mediante processi virtuosi che danno vita ad asciugamani derivati da fibre di scarto dell’industria tessile, tovaglie ottenute da filati prodotti dai rifiuti raccolti in mare, contenitori multiuso nati dal riciclo del PET delle bottiglie di plastica monouso scartate.

Ne ho selezionate alcune per voi, tra prodotti nati da progetti solidali fino ai grandi brand del tessile, nazionali e internazionali, che hanno convertito parte della loro produzione.  

GURI I ZI

Nuvo’ – Tovaglia in lino ricamata a mano

Guri I Zi è un progetto che nasce dall’esperienza di cooperazione avviata, nel 2006 nel nord dell’Albania, dalla Onlus Idee Migranti con l’obiettivo di offrire un’opportunità di lavoro e reddito alle donne vulnerabili attraverso la valorizzazione dell’artigianato tessile locale. Nel corso degli anni il progetto ha dato vita a un laboratorio di produzione tessile e sartoriale nell’omonimo villaggio albanese, partito con solo 4 donne e che attualmente offre lavoro e reddito a 53 donne albanesi.

Nel frattempo Guri I Zi è diventato un marchio, con un punto vendita anche in Italia, che racchiudere innovazione e autenticità nello sviluppo di prodotti tessili artigianali per la tavola e per la casa, in grado di garantire la piena sostenibilità e il progressivo ampliamento del progetto, diventato oggi vera e propria realtà di impresa sociale. I prodotti sono caratterizzati da un’elevata qualità e un design ricercato, realizzati in filati naturali, come lino e cotone, attentamente selezionati per garantire brillantezza, resistenza e grande vivacità cromatica. Ogni prodotto Guri I Zi è un pezzo unico di artigianato perchè lavorato secondo l’antica arte della tessitura manuale al telaio di legno e ricamato a mano. Il design delle collezioni permanenti e stagionali è curato dalla stilista Alessandra Dentice, che ha saputo coniugare tradizione e innovazione per dar vita a prodotti raffinati, resi unici da dettagli preziosi quali ricami fatti a mano, nappe e bordi con frange. Tutti i modelli dei prodotti portano il nome delle tessitrici di Guri I Zi. Trattandosi di prodotti artigianali è possibile richiedere un preventivo gratuito per misure e colori personalizzati oppure vistare il punto vendita di Milano.

IKEA

Musselblomma – tovaglia in tessuto riciclato          € 15.00

Anche Ikea, colosso dell’arredamento svedese, propone per il 2020 una collezione di tessili ecosostenibili. La collezione Musselblomma, ideata dalla designer Inma Bermúdez, nasce infatti dal riciclo dei rifiuti di plastica raccolti lungo le coste del Mediterraneo da un migliaio di pescatori, con cui il marchio ha stretto una collaborazione grazie all’organizzazione Seaqual Initiative, che abbiamo già conosciuto con i teli mare eco. La tovaglia da tavola Musselblomma è decorata da schemi geometrici essenziali, nei colori del mare e dei coralli, ed è ottenuta grazie al PET raccolto, pulito, classificato, riciclato e lavorato in due stabilimenti spagnoli per ottenere un tessuto di poliestere di qualità. In questo modo, per ogni chilo di rifiuti rigenerato se ne eliminano comunque altri nove dalle acque mediterranee, generando un circolo virtuoso per la natura e per le persone. Ma c’è anche un’altra buona notizia: Ikea, entro il 2020, rimuoverà tutti i prodotti di plastica monouso dai suoi punti vendita, con l’obbiettivo di diventare un’azienda circolare entro dieci anni, azzerando l’uso di materie prime fossili vergini.

MYMAMI

Tovaglia in cotone biologico jacquard                        € 55.00

MYMAMI è la nuova linea certificata di tessuti in cotone biologico nata per celebrare i 100 anni della storica azienda tessile cotoniera veneta TAM srl, fondata da Giacomo Isetta. La storia della famiglia Isetta è una lunga staffetta imprenditoriale dove il testimone passa di generazione in generazione a partire dal lontano 1919. 

Oggi Fiorella e Alessandro Isetta, pronipoti del fondatore Giacomo, esprimono la tradizione di una storia centenaria con l’innovazione di chi vuole soddisfare le esigenze di una clientela attenta alla qualità e alla sostenibilità. La linea Mymami infatti, nasce da questa intuizione: creare prodotti tessili di qualità grazie ad un processo produttivo prevalentemente artigianale, con materie prime certificate biologiche e imballaggi rispettosi dell’ambiente. La tovaglia da tavola Mymami in cotone biologico, certificato GOTS, unisce eleganza e benessere proponendo un design fantasioso e in linea con l’immagine della natura. La gamma è composta da tovaglie e tovaglioli, set americani e accessori coordinati adatti a vestire la tavola con gusto a seconda delle occasioni.

CARILLO HOME

Riviera – Reload 100% ecosostenibile                         € 29.90

La tovaglia da tavola Reload, di Carillo Home, è composta al 100% da bottiglie di plastica riciclate. La collezione Riviera intende proporre, con i prodotti da cucina Reload, uno stile di vita che metta al centro l’ambiente anche nell’arredo casa. Investire in tessuti innovativi ricavati dalla plastica riciclata è una valida soluzione che permette di ridurre l’impatto sull’ecosistema. Tutte le materie prime utilizzate per produrre questa tovaglia, dal tessuto al packaging, sono ricavate totalmente da materiale riciclato.  Le collezioni Riviera si contraddistinguono per un design elegante, semplice e raffinato, prodotti dalle linee moderne, che incorporano le tendenze della moda, perfetta sintesi tra un gusto delicato e qualità dei materiali impiegati. I colori e toni leggeri, le fantasie raffinate e la ricercatezza dei tessuti permettono di costruire all’interno della casa un ambiente intimo, accogliente ed elegante. 

ALTROMERCATO

Tovaglia Ikat in cotone verde                                  € 69.00

Altromercato è la principale realtà di commercio Equo e Solidale in Italia. Un’Impresa sociale formata da 105 soci e 225 botteghe, che gestisce rapporti con 155 organizzazioni di produttori in oltre 45 paesi, nel Sud e nel Nord del mondo. Migliaia di artigiani e contadini, il cui lavoro viene rispettato ed equamente retribuito, perché si basa su una filiera trasparente e tracciabile, che tutela i produttori, l’ambiente e garantisce la qualità dei prodotti. La tovaglia da tavola proposta da Altromercato è sapientemente realizzata con tecnica ikat (nuvola), un procedimento molto particolare per la tintura dei filati, diffusa principalmente fra i popoli malesi e indonesiani. La certosina tecnica di tintura prevede che gli artigiani tingano prima i motivi sui fili e soltanto successivamente li tessano sul telaio con attenta precisione per un effetto finale molto particolare. 

Insomma, anche il tessile non fa eccezione in questo trend di cambiamento e dimostra una sempre maggiore attenzione ai materiali naturali, certificati e frutto di una lavorazione ecosostenibile, così come sempre più consumatori mostrano una netta preferenza per tutto ciò che è biologicoorganico e sostenibile. Quindi l’industria non può far altro che adeguarsi o, se si vuole vedere il bicchiere mezzo pieno, guidare questa rivoluzione facendo delle scelte consapevoli, a beneficio del Pianeta. 

Ti potrebbe anche interessare

Nessun commento

Scrivi un commento