Provato per voi

Il mio caffè è equo e solidale!

Sapete quanto caffè consumiamo in un anno? Circa 3500 quintali: come sia fa a togliere agli italiani la quotidiana dose di tazzine? Non si può. Ma si può invece cominciare a distinguere tra caffè e caffè….

FOTO 1Quando comprate il caffè in un supermercato vi domandate da dove proviene? O come è coltivato? O che tipo di sfruttamento umano ed economico nasconde parte delle grandi multinazionali? Dovete cominciare a farlo se volete la patente di Ecocentrici!

FOTO 2Io per esempio compro solo e rigorosamente caffè equo e solidale (così come faccio per il cacao le banane o per altri prodotti che provengono dai cosiddetti paesi del Terzo Mondo). Il caffè è stato uno dei primissimi prodotti coloniali ad essere commercializzato, ovviamente con sitemi che badavano solo al profitto. A scapito dell’ambiente e con grande sfruttamento dei lavoratori  Da qualche anno per fortuna qualcosa è cambiato, e proprio la nostra bevanda preferita è stato il primo prodotto ad essere certificato come prodotto equo e solidale, in cui viene stabilito il rapporto commerciale diretto tra operatori commerciali europei e le organizzazioni produttrici del sud del mondo. Esistono criteri e regole che devono essere rispettate per far in modo che il caffè possa essere riconosciuto come equo e solidale:

FOTO 3

Il caffè deve provenire da cooperative di piccoli contadini certificate dal commercio equo e deve essere coltivato e lavorato in condizioni rispettose dell’ambiente e dei lavoratori.

FOTO 4Ci sono vari tipi di certificazione, ma quella più importante riportata sulla confezione è la Fairtrade. Attualmente i produttori di caffè membri del sistema Fairtrade sono oltre 580.000, riuniti in 348 organizzazioni. Circa l’80% di essi proviene da Perù, Colombia, Messico e da tutta l’America Latina. I caffè equosolidali certificati Fairtrade oggi sono molto diffusi  e sono disponibili in supermercati, ipermercati, discount, negozi del biologico, bar, caffetterie, hotel e ristoranti. Oltretutto i prezzi sono paragonabili agli altri non equi. Io scelgo solo quelli, e a quanto pare non sono la sola visto che i prodotti Fairtrade hanno fatto registrare negli ultimi anni un vero e proprio boom. con una crescita del 25%.

5 Commenti

  • Commenta
    Arturo Rufolo
    24 luglio 2014 at 16:18

    Ma esistono dalle mie parti , non li ho mai visti !

    • Commenta
      tessa
      24 luglio 2014 at 18:40

      certo!! si trovano ovunque ormai ! anche nei grandi classici supermercati
      cerca il logo

  • Commenta
    Giuseppe
    24 luglio 2014 at 18:42

    Mi impegnero’ a dare il mio contributo..speriamo bene !!!

  • Commenta
    Luca
    30 luglio 2014 at 11:33

    Ecocentrico addicted.Grande Tessa un bacione.
    #luca_in_chain5

  • Scrivi un commento

    Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Maggiori info

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi